Virus Zika In Brasile

Aggiornamento: 24 lug




Il virus Zika viene trasmesso da zanzare infette e può essere diffuso attraverso lo sperma. Un professore di medicina preventiva presso la Vanderbilt University School of Medicine, William Schaffer, ha dichiarato quanto segue a Cosmopolitan Magazine:


"Se una donna è infetta, il corpo eliminerà il virus entro 10 giorni". L'articolo menziona anche che il virus Zika può infettare lo sperma di un uomo fino a 62 giorni. Tuttavia, l'ottanta per cento di coloro che sono infetti sono asintomatici.

Ci sono più di 4.000 casi del virus Zika tra i neonati in Brasile dall'ottobre 2015. Il ministero della Salute brasiliano ha proposto che le donne cerchino di astenersi dal rimanere incinte almeno fino a quando non si saprà di più sull'epidemia di Zika, o fino a quando non avrà ammesso. Per coincidenza, nella capitale brasiliana Brasilia, non c'è stato alcun caso di neonati con il virus Zika. Apparentemente, l'epidemia dilaga tra la popolazione di giovani donne brasiliane di origine africana (afro-brasiliane) che vivono nelle regioni meno sviluppate del paese. Detto questo, il virus Zika sembra una conseguenza delle disuguaglianze socio-economiche della società brasiliana. Le donne ad alto rischio tendono a non avere accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva e vivono in luoghi dove le zanzare sono abbondanti, rendendo così più facile contrarre malattie trasmesse dalle zanzare come la dengue e la chikungunya.


In Brasile, i luoghi che sono permeati dalle zanzare includono alloggi affollati e/o scadenti dove l'acqua stagnante può essere trovata ovunque. Il terreno fertile per le zanzare portatrici di malattie sono luoghi con acqua stagnante, che di solito sono luoghi scadenti nel paese tropicale del Brasile. Molte donne devono lavorare per lunghe ore all'aria aperta, o fare commissioni e prendersi cura dei propri figli e non possono evitare di essere morsi dalle zanzare (e la temperatura tropicale non rende più facile scegliere se uscire o rimanere all'interno).

L'epidemia di Zika ha portato l'attenzione sulle disuguaglianze dei diritti riproduttivi. Nel 2010, un sondaggio nazionale ha rilevato che all'età di 40 anni, una donna brasiliana su cinque ha avuto almeno un aborto, il che significa che più di 5 milioni di donne avrebbero dovuto andare in prigione. Naturalmente, molti di questi aborti erano illegali e venivano eseguiti in ambienti non igienici. Si può vedere come l'aborto sia un'altra variabile nella disuguaglianza economica del Brasile. Le donne ricche possono pagare per assicurarsi aborti sicuri, mentre la maggior parte delle donne no. Quindi le donne sono costrette a sopportare le loro gravidanze con stigma e paura. Molte comunità di salute pubblica non conducono esami del sangue che rilevano o diagnosticano in modo efficiente difetti alla nascita, un'amplificazione del danno causato dalla negligenza del governo.


Ad alto rischio sono anche le donne che hanno uno status socio-economico inferiore e che sono responsabili dell'assistenza all'infanzia, le badanti di bambini disabili, i figli a carico e le lavoratrici domestiche. Basta che ci siano donne che sono state abbandonate dal partner dopo aver dato alla luce un bambino con problemi neurologici, il governo non deve abbandonare anche loro. Il governo deve essere consapevole e riconoscere che offrire alle donne una contraccezione accessibile e conveniente insieme a un aborto sicuro e legale è nel migliore interesse non solo delle donne che hanno bisogno di questi servizi, ma anche del governo stesso quando si tratta di controllare le epidemie come il virus Zika che colpisce non solo queste donne ma anche il Brasile come paese. A lungo termine, il governo dovrebbe fornire un sostegno finanziario sufficiente insieme ai servizi sociali, in particolare per queste donne. Nel breve periodo, il governo dovrebbe distruggere l'habitat delle zanzare e lavorare per raccogliere ulteriori ricerche sul virus Zika per capire come porre fine a questa epidemia.

“Chiedere alle donne di evitare la gravidanza senza offrire le informazioni necessarie, l'istruzione, i contraccettivi o l'accesso all'aborto non è una politica sanitaria ragionevole. I diritti sessuali e riproduttivi per tutte le donne, povere e ricche, devono essere presi sul serio. Il governo dovrebbe offrire immediatamente un pacchetto completo di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva a tutte le donne brasiliane, con un focus specifico su quelle più a rischio di infezione da Zika. Il Brasile ha alcune delle leggi sull'aborto più severe del mondo. La procedura è legale solo nei casi in cui la vita della donna è in pericolo di complicazioni, è stata violentata o è incinta di un feto anencefalico. La consapevolezza che un bambino soffrirà di gravi problemi neurologici non è motivo per interrompere legalmente una gravidanza. Ciò non significa che l'aborto sia raro, però".


Risorse:


1. Diniz, D. (2016, February 8). The zika virus and Brazilian women's right to choose. The New York Times. Retrieved July 24, 2022, from https://www.nytimes.com/2016/02/08/opinion/the-zika-virus-and-brazilian-womens-right-to-choose.html

2. Drillinger, M. (2016, February 19). Sex tips for boring people: Zika virus, big feet, and self-loving on display. Thrillist. Retrieved July 24, 2022, from https://www.thrillist.com/sex-dating/nation/can-you-get-zika-virus-from-having-sex

3. Colvin, L. S. (2021, November 11). What is the zika virus?: Johns Hopkins Medicine. What is the Zika Virus? | Johns Hopkins Medicine. Retrieved July 24, 2022, from https://www.hopkinsmedicine.org/zika-virus/what-is-zika-virus.html

0 visualizzazioni0 commenti