• Wandeth Gonzo

Soppressione Degli Elettori

Aggiornamento: 3 mar


La soppressione degli elettori, nella storia e nella politica degli Stati Uniti, è qualsiasi misura o strategia legale o extralegale il cui scopo o effetto pratico è ridurre il voto o la registrazione per votare da parte dei membri di un gruppo razziale, di un partito politico o di una comunità religiosa mirati. La stragrande maggioranza delle vittime della repressione degli elettori negli Stati Uniti sono stati afroamericani.

La soppressione degli elettori è stata praticata negli Stati Uniti almeno dall'era della Ricostruzione (1865–77), quando gli afroamericani negli stati dell'ex Confederazione furono in grado di esercitare brevemente i loro diritti di voto appena conquistati; candidarsi per uffici locali, statali e federali; e di far parte di giurie. Il quattordicesimo (1868) e il quindicesimo (1870) emendamenti alla Costituzione degli Stati Uniti, insieme a una serie di leggi approvate da un Congresso dominato dai repubblicani tra il 1866 e il 1875, garantivano la cittadinanza statunitense e uguali diritti civili e legali agli afroamericani; espressamente vietato limitare o negare il diritto di voto in base alla razza; criminalizzato le attività terroristiche di organizzazioni suprematiste bianche come il Ku Klux Klan; e autorizzò l'uso delle truppe federali per proteggere i seggi elettorali e per reprimere la violenza dei suprematisti bianchi.

Basandosi sulla protezione federale, gli elettori afroamericani hanno eletto centinaia di rappresentanti dello stato nero e 16 rappresentanti e senatori neri degli Stati Uniti. Nel 1870 quasi tutti gli ex stati confederati erano controllati dal Partito Repubblicano.


Nonostante questi guadagni, le intimidazioni e le violenze contro i titolari di cariche afroamericane e gli aspiranti elettori nel sud, comprese le percosse e gli omicidi, non sono mai state completamente sradicate. Negli anni '70 dell'Ottocento, il sostegno del Nord all'intervento federale negli stati meridionali per garantire l'uguaglianza razziale iniziò a diminuire e una serie di sentenze della Corte Suprema degli Stati Uniti, continuate negli anni '90 dell'Ottocento, limitò notevolmente la portata degli emendamenti costituzionali dell'era della ricostruzione e delle leggi sui diritti civili. Tutti questi fattori si combinarono per consentire ai democratici bianchi di riprendere il controllo di tutti gli stati meridionali tranne tre entro il 1876. Nel 1877, i controversi ritorni delle elezioni presidenziali del 1876 in quegli stati figuravano in un accordo segreto in base al quale i democratici sostenevano l'affermazione del candidato presidenziale repubblicano , Rutherford B. Hayes, ai voti elettorali dei loro stati, dando ad Hayes una vittoria per un voto nel collegio elettorale su Samuel J. Tilden, in cambio della promessa di Hayes di ritirare tutte le truppe federali rimanenti dal sud, ponendo così fine Ricostruzione. Durante i successivi tre decenni, gli stati del sud controllati dai democratici approvarono leggi e adottarono emendamenti costituzionali statali che di fatto privarono dei diritti civili quasi tutti gli elettori afroamericani nel sud e imposero un rigido sistema di segregazione razziale lì, Jim Crow, che sarebbe durato fino alla metà del 20 ° secolo.


Le prime tattiche di repressione degli elettori rivolte agli afroamericani hanno continuato ad essere utilizzate per tutta la prima metà del 20 ° secolo. Dopo la Ricostruzione, agli afroamericani è stato impedito di votare (o di registrarsi per votare) attraverso intimidazioni, violenze, tasse elettorali, test di alfabetizzazione o comprensione (che non erano applicati ai bianchi analfabeti), test di "buon carattere", clausole del nonno (che nella loro la forma originale limitava i diritti di voto ai discendenti [maschili] di persone che potevano votare prima del 1866 o 1867), le elezioni primarie per soli bianchi e la frode totale commessa da funzionari elettorali bianchi. Le tasse elettorali furono infine rese incostituzionali nelle elezioni federali dal ventiquattresimo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti (1964) e nelle elezioni statali e locali dalla Corte Suprema nel 1966. La pratica di applicare test di alfabetizzazione a tutti e solo agli elettori neri era bandito dal Civil Rights Act del 1964 e i test di alfabetizzazione in generale furono sospesi per alcune giurisdizioni ai sensi del Voting Rights Act (VRA) del 1965.


La Corte Suprema ha annullato le clausole del nonno nel 1915 e le primarie per soli bianchi nel 1944.

Il VRA, insieme al Civil Rights Act (1964), uno dei due più importanti atti legislativi sui diritti civili nella storia degli Stati Uniti, ha notevolmente aumentato la registrazione degli elettori e il voto tra i neri del sud. Un elemento chiave della legge, la Sezione 5, richiedeva che alcune giurisdizioni (stati o suddivisioni politiche di stati) ottengano l'approvazione preventiva ("preautorizzazione") di qualsiasi modifica alle loro leggi o procedure elettorali, generalmente dimostrando a un tribunale federale che la modifica “non ha lo scopo e non avrà l'effetto di negare o abbreviare il diritto di voto per motivi di razza o colore”. La sezione 4(b) della VRA identificava come "giurisdizione coperta" (a cui si applicherebbe l'obbligo di preautorizzazione) qualsiasi stato o suddivisione politica di uno stato che, a partire dal novembre 1964, imponeva test o altri dispositivi come condizione per la registrazione o di voto ed era caratterizzato da registrazione degli elettori o affluenza alle urne inferiore al 50 per cento della popolazione in età per votare. Il requisito di preautorizzazione del VRA è stato efficace nell'impedire alle giurisdizioni con una storia di discriminazione degli elettori (compresi nove stati per lo più del sud) dall'introduzione di nuove restrizioni elettorali che avrebbero ridotto in modo sproporzionato il voto o la registrazione degli elettori tra gli afroamericani. Nel 2013, tuttavia, la Corte Suprema ha dichiarato (in Shelby County v. Holder) che la sezione 4(b) era incostituzionale, in parte perché le pratiche di voto discriminatorie con cui ha identificato le giurisdizioni coperte erano state quasi completamente sradicate, secondo la Corte, nei decenni successivi all'approvazione del VRA. Senza la Sezione 4(b), il requisito di preautorizzazione della Sezione 5 (che, in particolare, la Corte non ha cancellato) era sostanzialmente inoperante. In pratica, le giurisdizioni precedentemente coperte erano libere di attuare qualunque legge e procedura elettorale scegliessero, e qualsiasi effetto discriminatorio che tali misure potessero produrre poteva essere fermato o revocato solo a posteriori, attraverso azioni legali per presunte violazioni dei diritti costituzionali o dell'antidiscriminazione e dei diritti di voto leggi, compresa la stessa VRA.


Subito dopo la decisione della contea di Shelby, diversi stati precedentemente coperti hanno annunciato o implementato nuove restrizioni e procedure elettorali che erano state (o probabilmente sarebbero state) bloccate a causa dell'obbligo di preautorizzazione. Nei primi cinque anni dopo la decisione, sono state introdotte decine di leggi di voto in almeno 23 stati, molto più del numero di giurisdizioni coperte dalla VRA. Tali misure includevano leggi sull'identità degli elettori di varia severità, alcune richiedevano la presentazione di un documento d'identità con foto accettabile, come una patente di guida o un passaporto, ai seggi elettorali come condizione per il voto (alcune di queste misure sono state approvate insieme ad altre disposizioni che hanno chiuso, o ridotto l'orario degli uffici statali dove è possibile ottenere documenti di identità accettabili); restrizioni onerose alla registrazione degli elettori; la chiusura o il trasferimento di seggi elettorali che avevano servito prevalentemente afroamericani o elettori di minoranza, costringendoli a percorrere lunghe distanze o ad aspettare in lunghe file per votare; l'eliminazione o la riduzione dei periodi di voto anticipato; requisiti gravosi per ottenere o inviare schede elettorali per corrispondenza (comprese le assenze); restrizioni o divieti a titolo definitivo alle unità di registrazione degli elettori; l'eliminazione della registrazione degli elettori in giornata; e l'esonero permanente dei criminali condannati. Altri sforzi di soppressione degli elettori che sono diventati più comuni dopo la contea di Shelby sono state le epurazioni su larga scala delle liste elettorali (apparentemente per rimuovere gli elettori i cui indirizzi non potevano essere verificati) e l'ingabbiamento degli elettori, una tattica correlata in cui un partito politico invia invii di massa non inoltrabili agli elettori registrati che è improbabile che sostengano il candidato o l'agenda del partito e quindi utilizzano gli eventuali invii restituiti come base per contestare la registrazione degli elettori o il diritto di voto.


Sebbene i membri di entrambi i principali partiti politici negli Stati Uniti abbiano partecipato agli sforzi di soppressione degli elettori (in particolare i Democratici del Sud dall'era della Ricostruzione alla metà del XX secolo), la maggior parte dei casi contemporanei di soppressione degli elettori ha avuto luogo negli stati controllati dai repubblicani. La solita giustificazione offerta per tali misure è che aiutano a garantire l'integrità delle elezioni prevenendo le frodi dei singoli elettori, che i repubblicani in genere affermano essere un problema serio. Come hanno sottolineato i critici democratici, tuttavia, la frode dei singoli elettori negli Stati Uniti è quasi inesistente. Il vero scopo delle leggi restrittive sul voto, insistono, è quello di consentire ai repubblicani di ottenere una carica o di rimanere al potere in giurisdizioni in cui meno della maggioranza dei probabili elettori sostiene il loro candidato o l'agenda.


Durante la campagna per le elezioni presidenziali del 2020, che ha coinciso con l'inizio e la diffusione della mortale pandemia di COVID-19 negli Stati Uniti, i governatori e i funzionari elettorali di diversi stati hanno posticipato le elezioni primarie e modificato le procedure elettorali per consentire agli elettori di ridurre al minimo o evitare potenziale esposizione al virus nelle linee elettorali o nei seggi elettorali. Tali misure includevano l'estensione dei termini di registrazione degli elettori e dei periodi di voto anticipato, l'allentamento o l'eliminazione dei requisiti per ottenere o votare per corrispondenza e l'estensione dei termini post-elettorali per la ricezione delle schede per corrispondenza. Tali misure e altre sono state impugnate in tribunale dai repubblicani sulla base del fatto che hanno usurpato l'autorità costituzionale delle legislature statali o hanno invitato a frode elettorale (nessuna delle cause, tuttavia, ha presentato prove serie di frode). I democratici hanno sostenuto in risposta che le modifiche erano costituzionali e che l'opposizione repubblicana, basata sull'accurato presupposto che i democratici fossero più propensi dei repubblicani a utilizzare schede elettorali per corrispondenza durante la pandemia, equivaleva a una forma di repressione degli elettori. La stragrande maggioranza delle sfide repubblicane fu infine respinta.


Nei primi mesi dopo le elezioni presidenziali, che hanno portato alla vittoria dello sfidante democratico, Joe Biden, sull'incumbent repubblicano, Donald Trump, i repubblicani nelle legislature statali in tutto il paese hanno presentato più di 350 progetti di legge progettati per annullare la pandemia modifiche alle procedure elettorali e per limitare ulteriormente l'accesso al voto in modi che inciderebbero in modo sproporzionato su minoranze, giovani e altri collegi elettorali di tendenza democratica. Gli sponsor delle nuove restrizioni li hanno difesi citando l'affermazione palesemente falsa di Trump secondo cui i Democratici avevano rubato le elezioni presidenziali attraverso una massiccia frode elettorale. I progetti di legge includevano nuovi limiti all'ottenimento o all'emissione di schede elettorali per corrispondenza, requisiti più severi per l'identificazione degli elettori, ulteriori restrizioni sulla registrazione degli elettori, divieti di raccolta e consegna delle schede elettorali da parte di terzi, riduzioni dei periodi di votazione anticipata e legislazione che concederebbe agli osservatori del sondaggio maggiori autonomia e un più stretto accesso agli elettori e ai seggi elettorali, aumentando così la probabilità di intimidazioni elettorali e interferenze elettorali nei seggi elettorali. Alcuni progetti di legge hanno persino criminalizzato l'atto di dare cibo o acqua a persone che aspettano per ore in lunghe file di voto.


Molti dei progetti di legge darebbero anche ai legislatori statali partigiani un controllo significativo sull'amministrazione elettorale, riducendo al contempo le tradizionali autorità amministrative del ramo esecutivo e dei consigli elettorali statali e locali (di contea o municipali). Ad esempio, l'omnibus della Georgia "Election Integrity Act of 2021", firmato in legge a marzo, includeva disposizioni che hanno sostituito il segretario di stato come presidente del consiglio elettorale di stato con un incaricato scelto dal legislatore, conferendo di fatto al legislatore il controllo del consiglio . (In particolare, dopo le elezioni presidenziali del 2020 in Georgia, vinte da Biden con circa 12.000 voti, il governatore e segretario di stato dello stato ha respinto le ripetute richieste dei legislatori repubblicani e dello stesso Trump di invalidare la vittoria di Biden.) La legge ha anche autorizzato il consiglio di stato a indagare e sostituire temporaneamente un "sovrintendente" elettorale locale (definito come un consiglio elettorale locale o un giudice di successione con l'autorità di supervisionare le elezioni locali) con un incaricato di sua scelta, sebbene non più di quattro sovrintendenti possano essere sospesi contemporaneamente. I leader democratici e altri critici della legge hanno affermato che questa disposizione ha consentito al legislatore di assumere un controllo effettivo del processo decisionale locale su questioni come l'ubicazione e la chiusura dei seggi elettorali, le sfide all'ammissibilità degli elettori e, soprattutto, la certificazione dei risultati elettorali. Disegni di legge simili relativi all'amministrazione elettorale sono stati introdotti in molte altre legislature statali e trasformati in legge in alcuni stati.


Un'altra strategia politica che a volte viene trattata come una forma di soppressione degli elettori è il gerrymandering razziale o partigiano (l'estrazione di distretti elettorali da parte delle legislature statali in modo tale da diluire il potere di voto dei membri di un determinato gruppo razziale o partito politico), sebbene non impedisce specificamente ad alcuno di votare o di registrarsi per votare. Con l'"impacchettamento" di un gran numero di gruppi razziali o partiti politici in pochi distretti o "cracking" (disperdendoli) tra diversi distretti, tali gerrymander possono garantire che il gruppo o il partito preso di mira sarà permanentemente sottorappresentato in una legislatura statale o in Congresso rispetto al loro numero assoluto nello stato, che è anche l'obiettivo della soppressione degli elettori. Il gerrymandering razziale è vietato dalla Sezione 2 della VRA. (È interessante notare che la legge federale consente la creazione di distretti di "maggioranza-minoranza" come mezzo per combattere il gerrymandering razziale mediante cracking.) Nel 2019 la Corte Suprema ha stabilito, nella causa Rucho v. Common Cause, che il gerrymandering partigiano è una "questione politica" questo è al di là del potere di intervento dei tribunali federali.


Risorse:

https://www.britannica.com/topic/voter-suppression

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti