top of page

Louis Pasteur



Louis Pasteur era un biologo e chimico francese che diede enormi contributi alla teoria dei germi, alla prevenzione del deterioramento degli alimenti e al controllo delle malattie.

 

Pasteur scoprì che il processo di fermentazione poteva essere interrotto facendo passare aria (ossigeno) attraverso il fluido di fermentazione, un processo oggi noto come effetto Pasteur. Ciò portò alla sua introduzione dei termini aerobico e anaerobico per designare organismi che vivono rispettivamente in presenza o in assenza di ossigeno. Propose inoltre che i fenomeni che si verificavano durante la putrefazione (marciume) fossero dovuti a germi specifici che funzionano in condizioni anaerobiche.

 

Pasteur applicò la sua conoscenza dei microbi e della fermentazione alle industrie del vino e della birra in Francia, salvando di fatto le industrie dal collasso dovuto a problemi associati alla produzione e alla contaminazione avvenuta durante l'esportazione. Per prevenire la contaminazione, Pasteur utilizzò una procedura semplice: riscaldò il vino a 50–60 °C (120–140 °F), un processo ora conosciuto universalmente come pastorizzazione. Oggi la pastorizzazione viene utilizzata raramente per i vini che beneficiano dell'invecchiamento, poiché uccide gli organismi che contribuiscono al processo di invecchiamento, ma viene applicata a molti alimenti e bevande, in particolare al latte. Pasteur ideò anche un metodo per la produzione della birra che impediva il deterioramento del prodotto durante i lunghi periodi di trasporto sulle navi.

 

Pasteur dimostrò anche che il brodo di manzo poteva essere sterilizzato facendolo bollire in una fiaschetta a “collo di cigno”, che ha un lungo collo piegato che intrappola le particelle di polvere e altri contaminanti prima che raggiungano il corpo della fiaschetta.

 

Tuttavia, se il brodo veniva bollito e il collo del pallone veniva rotto dopo l'ebollizione, il brodo, essendo riesposto all'aria, alla fine diventava torbido, indicando una contaminazione microbica.

 

Questi esperimenti dimostrarono che non vi era generazione spontanea, poiché il brodo bollito, se mai riesposto all'aria, rimaneva sterile.

 

Louis Pasteur divenne presto un esperto allevatore di bachi da seta e identificò gli organismi che causavano la malattia del baco da seta. Ha salvato l'industria della seta attraverso un metodo che ha consentito la conservazione di uova sane di bachi da seta e ne ha prevenuto la contaminazione da parte di organismi patogeni.

 

 

Pasteur sviluppò il principio generale della vaccinazione e contribuì anche alla fondazione dell’immunologia. La prima importante scoperta di Pasteur nello studio delle vaccinazioni avvenne nel 1879 e riguardò una malattia chiamata colera dei polli. Ha inoculato la forma attenuata nei polli e ha dimostrato che i polli erano resistenti al ceppo completamente virulento.

 

Pasteur iniziò a studiare l'antrace nel 1879. Pasteur voleva applicare il principio della vaccinazione all'antrace. La procedura di vaccinazione prevedeva due inoculazioni ad intervalli di 12 giorni con vaccini di diversa potenza.

 

 Un vaccino, proveniente da una coltura a bassa virulenza, è stato somministrato a metà delle pecore ed è stato seguito da un secondo vaccino proveniente da una coltura più virulenta del primo. Due settimane dopo queste vaccinazioni iniziali, sia le pecore vaccinate che quelle di controllo furono inoculate con un ceppo virulento di antrace. Nel giro di pochi giorni tutte le pecore di controllo morirono, mentre tutti gli animali vaccinati sopravvissero. Ciò convinse molte persone che il lavoro di Pasteur era davvero valido.

 

Le sue indagini sugli animali infettati da microbi patogeni e i suoi studi sui meccanismi microbici che causano effetti fisiologici dannosi negli animali lo hanno reso un pioniere nel campo della patologia infettiva.

 

 

Resources:

 

 

 

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page