Teoria Della Razza Critica

Aggiornamento: 19 mar


La teoria critica della razza (CRT) è un movimento intellettuale e un quadro organizzato di analisi legale basato sulla premessa che la razza non è una caratteristica naturale e biologicamente fondata di sottogruppi fisicamente distinti di esseri umani, ma una categoria socialmente costruita (inventata culturalmente) che viene utilizzata per opprimere e sfruttare le persone di colore. I teorici critici della razza sostengono che la legge e le istituzioni legali negli Stati Uniti sono intrinsecamente razziste nella misura in cui funzionano per creare e mantenere disuguaglianze sociali, economiche e politiche tra bianchi e non bianchi, in particolare gli afroamericani.


La teoria della razza critica (CRT) è stata ufficialmente organizzata nel 1989, al primo Workshop annuale sulla teoria della razza critica, anche se le sue origini intellettuali risalgono a molto più lontano, negli anni '60 e '70. Il suo immediato precursore fu il movimento degli studi legali critici (CLS), che si dedicò a esaminare come la legge e le istituzioni legali servano gli interessi dei ricchi e dei potenti a spese dei poveri e degli emarginati.

Come gli studiosi del CLS, i teorici critici della razza credevano che il liberalismo politico fosse incapace di affrontare adeguatamente i problemi fondamentali dell'ingiustizia nella società americana (nonostante la legislazione e le sentenze dei tribunali che promuovevano i diritti civili negli anni '50 e '60), perché la sua enfasi sul trattamento equo ai sensi della legge di tutte le razze ("daltonismo") lo rendeva capace di riconoscere solo le pratiche razziste più evidenti ed evidenti, non quelle relativamente indirette, sottili o sistemiche.


Nel loro lavoro Critical Race Theory: An Introduction, pubblicato per la prima volta nel 2001, i giuristi Richard Delgado (uno dei fondatori di CRT) e Jean Stefancic discutono diverse proposizioni generali che sostengono sarebbero state accettate da molti teorici critici della razza, nonostante il considerevole variazione di credenze tra i membri del movimento. Questi "principi di base" della CRT, secondo gli autori, includono le seguenti affermazioni:


(1) La razza è socialmente costruita, non biologicamente naturale.

(2) Il razzismo negli Stati Uniti è normale, non aberrante: è l'esperienza comune e ordinaria della maggior parte delle persone di colore.

(3) A causa di ciò che i teorici critici della razza chiamano "convergenza degli interessi" o "determinismo materiale", i progressi legali (o le battute d'arresto) per le persone di colore tendono a servire gli interessi dei gruppi bianchi dominanti. Pertanto, la gerarchia razziale che caratterizza la società americana può non essere influenzata o addirittura rafforzata da apparenti miglioramenti nello status giuridico delle persone oppresse o sfruttate.

(4) I membri dei gruppi minoritari sono sottoposti periodicamente alla "razzializzazione differenziale", o all'attribuzione loro di vari insiemi di stereotipi negativi, sempre a seconda delle esigenze o degli interessi dei bianchi.

(5) Secondo la tesi di "intersezionalità" o "antiessenzialismo", nessun individuo può essere adeguatamente identificato dall'appartenenza a un singolo gruppo. Una persona afroamericana, ad esempio, può anche identificarsi come donna, lesbica, femminista, cristiana e così via.

Infine, (6) la tesi della "voce di colore" sostiene che le persone di colore sono qualificate in modo univoco per parlare a nome di altri membri del loro gruppo (o gruppi) per quanto riguarda le forme e gli effetti del razzismo. Questo consenso ha portato alla crescita del movimento del "racconto legale", che sostiene che le opinioni espresse dalle vittime del razzismo e di altre forme di oppressione forniscono una visione essenziale della natura del sistema legale.

Risorsa: v

1. https://www.britannica.com/topic/critical-race-theory

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti