top of page

Prevenire e Curare La Depressione Tra Le Donne Di Colore






Gruppi di supporto sociale online orientati alla prevenzione e al trattamento della c tra le donne di colore


Astratto:

Le disparità di salute e lo stigma che circondano la salute mentale creano barriere per i pazienti e impediscono il trattamento. trattamento adeguato.14 Per espandere la consapevolezza del valore degli approcci etnografico-qualitativi nella raccolta di ricchi dati contestualizzati sugli afroamericani depressi10, la creazione di un gruppo di supporto online per le donne afroamericane depresse che sia sia valido che culturalmente rilevante, migliorerebbe la conformità con i protocolli di trattamento .10 Affrontare queste sfide per le donne afroamericane comporta quattro parti: prendersi cura della nostra salute mentale dovrebbe essere considerato accettabile, conoscenza della salute mentale (comprensione), accessibilità e convenienza. 15 Una comunità online progettata da professionisti della salute delle donne nere può aiutare a rendere accettabile per gli afroamericani parlare di salute mentale, che include conversazioni in corso in settori come luoghi di lavoro, luoghi di culto e media. Più è fatto, più facile sarà. 15 Il che porta alla nostra domanda: l'impegno in gruppi di supporto sociale online orientati alla prevenzione e al trattamento della depressione (senza alcun costo per i membri) impedirebbe l'aumento dei casi di depressione di nuova diagnosi tra le donne afroamericane adulte?

Introduzione:

La depressione colpisce circa 19 milioni di americani ed è un enorme problema di salute tra gli afroamericani, in particolare le donne. Sfortunatamente, la salute mentale è spesso stigmatizzata nella comunità nera.14 Il termine "nero" comprende sia gli afroamericani che i più recenti immigrati africani e caraibici.5 Le comunità afroamericane negli Stati Uniti sono culturalmente diverse, con immigrati provenienti da nazioni africane, Caraibi, America centrale e altri paesi.6 Sebbene possa avere un impatto su persone di ogni estrazione sociale, abitudini culturali ed esperienze storiche, la depressione sembra essere espressa e affrontata in modo diverso tra le donne nere.14 Le comunità online hanno un effetto sulla fidelizzazione dei partecipanti e sull'efficacia di interventi automatizzati sullo stile di vita proprio come le comunità geografiche.18 Una comunità online attiva potrebbe contenere storie pubblicate dagli utenti sul superamento delle barriere, messaggi empatici di supporto per coloro che stanno lottando e celebrazioni del successo18 Se riusciamo a capire quanto possono essere efficaci la psicoterapia e il supporto sociale massimizzato da gruppi di supporto elettronico, potrebbe sfruttare il supporto sociale, la modellazione sociale positiva e il contenuto dinamico per mantenere gli utenti coinvolti e supportare il cambiamento di comportamento.18


Cos'è la depressione:

La depressione, nota anche come "disturbo depressivo maggiore" o depressione clinica, è una grave condizione medica che colpisce la mente e il corpo 2 di cui una persona su cinque soffrirà nel corso della vita. 4 Colpisce più di 350 milioni di persone in tutto il mondo4, il Disturbo Depressivo Maggiore è uno dei disturbi mentali più comuni negli Stati Uniti2 ed è la principale causa di disabilità in tutto il mondo.4 È associato a un aumento della mortalità dovuto al suicidio e a una ridotta capacità di gestire altri problemi di salute.1 La ricerca attuale suggerisce che la depressione è causata da una combinazione di fattori genetici, biologici, psicologici, influenze ambientali ed eventi dell'infanzia o dello sviluppo.2,4 Si ritiene generalmente che nella maggior parte dei casi sia spesso causata dall'influenza di più di uno o due di questi fattori.4 La depressione maggiore si manifesta con una combinazione di sintomi che interferiscono con la capacità di lavorare, studiare, dormire, mangiare e godere di attività un tempo piacevoli.4 La depressione maggiore cronica può richiedere che una persona continui trattamento e monitoraggio delle abitudini di vita su base continuativa.4 Le donne, gli adulti giovani e di mezza età e le persone non bianche hanno tassi di depressione più elevati rispetto alle loro controparti, così come le persone poco istruite, precedentemente sposate o disoccupate.1 Non esistono due persone che sono colpiti allo stesso modo dalla depressione e non esiste un trattamento "valido per tutti".2 Non tutti i depressi sperimentano tutti i sintomi.2 Alcune persone manifestano solo pochi sintomi mentre altre possono sperimentarne molti. con Disturbo Depressivo Maggiore o Depressione Clinica, i seguenti sintomi devono essere presenti per almeno due settimane:


• Tristezza persistente, umore ansioso o “vuoto”.2

• Sentimenti di disperazione, o pessimismo.2

• Irritabilità.2

• Sentimenti di colpa, inutilità o impotenza.2

• Perdita di interesse o piacere negli hobby e nelle attività.2

• Diminuzione di energia o fatica.2

• Muoversi o parlare più lentamente.2

• Sensazione di irrequietezza o difficoltà a stare seduti fermi.2

• Difficoltà a concentrarsi, ricordare o prendere decisioni.2

• Difficoltà a dormire, risveglio mattutino o sonno eccessivo.2

• Appetito e/o variazioni di peso.2

• Pensieri di morte o suicidio, o tentativi di suicidio.2

• Dolori o dolori, mal di testa, crampi o problemi digestivi senza una chiara causa fisica e/o che non si attenuano nemmeno con il trattamento.2


Le persone a maggior rischio di sviluppare la depressione includono persone con malattie croniche (ad es. cancro o malattie cardiovascolari), altri disturbi di salute mentale (compreso l'abuso di sostanze) o una storia familiare di disturbi psichiatrici.1 Tra gli anziani, i fattori di rischio per la depressione includere disabilità e cattive condizioni di salute correlate a malattie mediche, dolore complicato, disturbi cronici del sonno, solitudine e una storia di depressione.1

Suicidio:

Storicamente c'è stata una grande disparità nei tassi di suicidio riferito tra le donne afroamericane e le donne bianche (Chow, Jaffe, & Snowden, 2003).10 Le imprecisioni nella determinazione del suicidio nelle donne afroamericane sono state discusse dagli investigatori probabilmente a causa suicidio nelle donne afroamericane (Worthington, 1992).10 Inoltre, altri ricercatori riferiscono che i tassi di suicidio delle donne afroamericane sono molto più alti di quelli riportati (Esposito & Clum, 2002; Harmon, Edlund, & Fortney, 2005).10 Il divario nei tassi di suicidio riportati tra afroamericani e bianchi è diminuito negli ultimi anni a causa degli alti tassi di suicidio tra i giovani afroamericani di età compresa tra 10 e 14 anni, che sono aumentati del 233% tra il 1980 e il 1995, rispetto al 120% per i giovani bianchi in stesso anno (CDC, 1998).10 L'aumento dei tassi di suicidio in questa popolazione dovrebbe continuare ad allertare i professionisti della salute mentale sulla grande necessità di accuratezza nella diagnosi delle donne afroamericane affette da depressione e da altri disturbi di salute mentale (USDHHS, 2001) .10


Disturbo post traumatico da stress

Sebbene gli afroamericani costituiscano il 13,3% della popolazione statunitense, il 27% degli afroamericani vive al di sotto del livello di povertà rispetto a circa il 10,8% dei bianchi non ispanici.6 Questo potrebbe spiegare perché i neri adulti hanno il 20% in più di probabilità di essere segnalati come aventi grave disagio psicologico rispetto ai bianchi adulti, il che li rende più propensi a soddisfare i criteri diagnostici per il disturbo da stress post-traumatico (PTSD).5 Hanno anche maggiori probabilità di provare sentimenti di tristezza, impotenza e inutilità rispetto ai bianchi adulti.5 Gli afroamericani sono anche maggiori probabilità di essere esposti a fattori che aumentano il rischio di sviluppare una condizione di salute mentale, come i senzatetto e l'esposizione alla violenza. 16 Secondo il National Institutes of Mental Health, il disturbo post traumatico da stress (PTSD) è un disturbo che si sviluppa in alcune persone che hanno vissuto un evento scioccante, spaventoso o pericoloso.11 Il NIMH osserva che per ricevere una diagnosi di PTSD dopo un trauma evento, una persona deve mostrare uno o più sintomi di ciascuna delle seguenti categorie: rivivere (per es., flashback), evitamento (per es., stare lontano dai luoghi associati al trauma), reattività (per es., essere facilmente spaventato) e cambiamenti nella cognizione o nell'umore (ad esempio, difficoltà a ricordare il trauma, ecc.). il disturbo.11 Uno dei fattori di rischio include l'essere una donna, poiché le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare PTSD rispetto agli uomini.11 Il National Center for PTSD ha scoperto che mentre le donne hanno una minore esposizione a eventi traumatici della vita rispetto agli uomini, perché le donne sono hanno maggiori probabilità di subire violenze sessuali e abusi sessuali infantili, possono avere maggiori probabilità di sperimentare il disturbo da stress post-traumatico.11


Per le donne afroamericane, genere e razza si intersecano per renderle particolarmente vulnerabili al disturbo da stress post-traumatico.11 Le donne afroamericane sperimentano gli stessi traumi delle altre donne, ma a tassi più elevati.11 La ricerca indica che esiste una probabilità significativa che le donne afroamericane subiranno traumi sessuali e le donne che subiscono aggressioni sessuali hanno una probabilità quattro volte maggiore di soffrire di PTSD rispetto a quelle che non lo sono.11 La violenza domestica, nota anche come violenza da parte del partner, è anche associata al PTSD.11 Sebbene le donne di possono subire violenze domestiche, ci sono alcune prove che le donne afroamericane possono essere a maggior rischio di subire violenze domestiche, oltre a subire violenze domestiche a un tasso leggermente più alto o significativamente più alto rispetto alle altre donne.11 Una ricerca del Journal of Women's Health ha rilevato che le donne afroamericane a basso reddito che avevano subito violenze domestiche non solo soffrivano di disturbo da stress post-traumatico, ma presentavano anche “livelli sorprendentemente elevati di sintomi di disturbo da stress post-traumatico”.11


Molti ricercatori hanno preso nota della connessione tra razzismo e trauma.11 Secondo uno studio dell'Università del Michigan, i neri hanno maggiori probabilità di sperimentare fattori di stress e oppressione legati alla razza che possono portare a un aumento dei sentimenti di vittimizzazione, che può anche aumentare il rischio di PTSD.11 Uno studio di Harvard ha anche osservato che la discriminazione percepita, l'aggressione verbale correlata alla razza e la stigmatizzazione razziale sono state collegate al PTSD e possono in parte spiegare il più alto rischio condizionale di PTSD tra i neri.11 Anche se una sola vita Quando un evento minaccioso motivato dal razzismo si qualifica come trauma, la maggior parte delle espressioni di razzismo tendono ad essere eventi meno estremi e più frequenti rispetto a eventi che sono tipicamente considerati traumatici.11 Pertanto, la maggior parte dei casi di trauma razziale sono il risultato di eventi ripetuti, proprio come traumatizzazione derivante da molestie sessuali o bullismo in corso.11 In questi casi, eventi interpersonali cronici di natura angosciante si verificano con una frequenza tale che la vittima inizia a preoccuparsi di futuri eventi angoscianti, con conseguente ipervigilanza, evitamento e ansia, tutti sintomi fondamentali di PTSD.11 Il trauma è cumulativo: più traumi subiscono le persone, più traumatizzati diventano, quindi anche piccoli atti di razzismo contribuiscono al carico traumatico.11 I neri sperimentano più razzismo di qualsiasi altro gruppo, quindi ha senso che assistiamo a più traumi di conseguenza” .11

In altre parole, nel tempo, l'esperienza ripetuta di affrontare il trauma del razzismo può avere un impatto psicologico sulle donne afroamericane.11 I ricercatori dell'Università di Boston hanno scoperto che gli afroamericani che hanno riferito di aver subito il razzismo avevano i più alti tassi di PTSD nel gruppi razziali non bianchi studiati.11 Il disturbo da stress post-traumatico da stress può influire su molte aree della salute di un paziente.11 Sebbene sia una condizione psicologica, può avere anche altri impatti.11 Recenti ricerche hanno dimostrato che le donne afroamericane con disturbo da stress post-traumatico hanno maggiori probabilità di sperimentare obesità, disturbi alimentari e persino malattie croniche come malattie cardiache e diabete. I ricercatori di Harvard hanno scoperto che il disturbo da stress post-traumatico era associato a un rischio maggiore del 90% di diabete di tipo 2 tra i partecipanti allo studio afroamericani. Tra gli afroamericani, alcuni sintomi medici (ad es. ipertensione) possono rappresentare sintomi non tradizionali di depressione (Pickering, 2000).10 Per questi motivi, il disturbo da stress post-traumatico non dovrebbe essere preso alla leggera.11


Depressione postparto:

Anche la depressione è comune e colpisce non solo la donna ma anche il suo bambino.1 La depressione postpartum è una malattia medica grave, ma curabile, che comporta sentimenti di estrema tristezza, indifferenza e/o ansia, così come cambiamenti di energia, sonno e appetito.3 I fattori di rischio per la depressione durante la gravidanza e il postpartum includono scarsa autostima, stress da cura del bambino, ansia prenatale, stress della vita, ridotto supporto sociale, stato di relazione single/senza partner, storia di depressione, temperamento infantile difficile, precedente depressione postpartum, stato socioeconomico inferiore e gravidanze indesiderate.1 Sebbene esistano molti studi sulle manifestazioni della depressione postpartum tra le donne europeo-americane, ne esistono pochi che si concentrino esclusivamente sulle donne afroamericane che hanno avuto il postpartum.13 I risultati preliminari di Hall (1996) hanno suggerito che c'erano differenze nella manifestazione della depressione postpartum tra le donne afroamericane (AAW) e le donne europeo-americane.13

Logsdon, Birkimer e Usui (2000) hanno esaminato il legame tra sostegno sociale e sintomi depressivi postpartum in donne afroamericane a basso reddito in un campione di 57 donne afroamericane.13 Hanno scoperto che i sintomi della depressione erano pronunciati nel campione in cui i partecipanti hanno ricevuto più supporto di quanto ritenessero importante e che l'importanza del supporto era correlata ai sintomi della depressione. esplorare e descrivere la natura del postpartum tra le donne afroamericane dal loro punto di vista.13 Sebbene i loro bisogni fisici sembrino essere soddisfatti dalle attuali politiche e istituzioni mediche, i loro bisogni di salute mentale potrebbero non essere riconosciuti.13 In un momento in cui un la neomamma è la più vulnerabile, poiché sono responsabili della cura e della cura di un neonato, delle loro case, di se stesse e delle loro famiglie; sembra che le madri afroamericane siano riluttanti a esporre qualsiasi fragilità, rendendo così difficile per i professionisti fornire diagnosi e cure adeguate.13


La vergogna è stata identificata anche in uno studio di McIntosh (1993), che ha scoperto che le madri dopo il parto che non avevano cercato aiuto si sentivano dei falliti, si vergognavano, si sentivano inadeguate e alla fine erano troppo imbarazzate per parlare a qualcuno della loro incapacità di far fronte.13 Il McIntosh lo studio non ha incluso alcun afroamericano nel campione. Chiaramente, quindi, questi sentimenti di imbarazzo, vergogna e inadeguatezza possono superare i confini razziali ed etnici.13

In un altro studio, la maggior parte delle donne afroamericane in questo ha identificato la propria madre come la persona su cui si faceva più affidamento per fornire supporto.13 La seconda persona era il coniuge, seguito dalle sorelle e da altri amici e vicini.13 Due donne afroamericane hanno notato che Dio ha dato loro il sostegno maggiore, e due donne afroamericane hanno affermato che anche i loro figli hanno dato loro sostegno. da soli senza che la loro famiglia fosse fonte di stress.13 Per la maggior parte dei partecipanti sembrava che il sostegno ricevuto non fosse sempre adeguato né quello che desideravano o si aspettavano.13 La maggior parte dei partecipanti aveva il coniuge a casa al momento della depressione post partum, ma sembra che la presenza dei coniugi non abbia tamponato gli effetti della depressione post partum.13 La mancanza di sostegno sociale è stata trovata in letteratura come uno dei principali fattori di rischio della depressione post partum (O'Hara & Swain, 1996).13 Pertanto , avere il giusto tipo di supporto e il supporto previsto sembra essere più importante.13 Warren (1997) ha suggerito che eventi di vita stressanti e la mancanza di supporto sociale nelle donne afroamericane della classe media potrebbero causare depressione.13


Depressione periparto

Le donne di colore possono soffrire di depressione peripartum non trattata in silenzio, perché considerano le loro lotte una parte normale della gravidanza e del parto e non cercano cure.3 Il trattamento per la depressione durante la gravidanza è essenziale.3 Una maggiore consapevolezza e comprensione possono portare a risultati migliori per le donne e dei loro bambini.3 Come altri tipi di depressione, la depressione peripartum può essere trattata con psicoterapia, farmaci, cambiamenti dello stile di vita e supporti, o una combinazione di questi.3 In generale, il rischio di malformazioni congenite per il nascituro è basso e il la decisione dovrebbe essere presa sulla base dei potenziali rischi e benefici.3

La depressione peripartum si riferisce alla depressione che si verifica durante la gravidanza.3 Una donna su sette soffre di depressione peripartum.3 Le madri spesso sperimentano enormi cambiamenti biologici, emotivi, finanziari e sociali durante questo periodo.3 Alcune donne possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di salute mentale , in particolare depressione e ansia.3 Molte donne con depressione peripartum presentano anche sintomi di ansia.3 Uno studio ha scoperto che quasi i due terzi delle donne con depressione peripartum presentavano anche un disturbo d'ansia. 5 Sebbene non esista un test diagnostico specifico per la depressione peripartum, si tratta di una vera e propria malattia che dovrebbe essere presa sul serio.3

Fino al 70 percento di tutte le neomamme sperimenta il "baby blues", una condizione di breve durata che non interferisce con le attività quotidiane e non richiede cure mediche.3 I sintomi del "baby blues" possono includere il pianto senza motivo , irritabilità, irrequietezza e ansia.3 Questi sintomi durano una settimana o due e generalmente si risolvono da soli senza trattamento.3 La depressione del peripartum è diversa dal "baby blues" in quanto è emotivamente e fisicamente debilitante e può continuare per mesi o più.3

Molte donne possono soffrire in silenzio, liquidando le loro lotte come una parte normale della gravidanza e del parto e non cercando cure.3 Il trattamento della depressione durante la gravidanza è essenziale.3 Una maggiore consapevolezza e comprensione possono portare a risultati migliori per le donne e i loro bambini.3 Come altri tipi di depressione, la depressione del peripartum può essere trattata con la psicoterapia (la terapia del linguaggio), i farmaci, i cambiamenti dello stile di vita e i supporti, o una combinazione di questi.3 In generale, il rischio di malformazioni congenite per il nascituro è basso e la decisione dovrebbe essere effettuata sulla base dei potenziali rischi e benefici.3


Depressione non trattata:

La depressione non trattata è associata a:

1. elevato utilizzo dell'assistenza sanitaria, compreso l'uso eccessivo delle risorse sanitarie10

2. visite al pronto soccorso per comportamenti autolesivi (Greenberg, & Rosenbeck, 2003) 10

3. scarsa qualità della vita10

4. impatto negativo sull'economia dovuto alle interruzioni sul posto di lavoro e agli alti tassi di assenteismo e invalidità occupazionale (Wells et al., 2004) 10

5. disgregazioni familiari attraverso separazioni e divorzi10

6. sindromi da ritardo della crescita nei bambini con madri che hanno una comorbidità depressiva10

7. disturbi da abuso di sostanze (Boyd, 1993; Boyd, Henderson, Ross-Durow e Aspen, 1997)10

8. aumento dell'uso di sostanze nel tentativo di silenziare gli effetti dolorosi della depressione focalizzata sul trauma e dell'abuso di sostanze (Najavits, Weiss, & Shaw, 1999) 10

9. menomazioni nelle funzioni paragonabili a condizioni mediche comuni (Wells, Klop, Korbe e Sherbourne, 2000)10

Tra gli afroamericani, alcuni sintomi medici (ad es. ipertensione) possono rappresentare sintomi non tradizionali della depressione (Pickering, 2000).10

La depressione periparto non trattata non è solo un problema per la salute e la qualità della vita della madre, ma può influire sul benessere del bambino che può nascere prematuro, con basso peso alla nascita.3 Può anche causare problemi di legame con il bambino e può contribuiscono ai problemi di sonno e di alimentazione del bambino.3 A lungo termine, i figli di madri con depressione peripartum sono a maggior rischio di deficit cognitivi, emotivi, dello sviluppo e verbali e abilità sociali compromesse.3 Per essere diagnosticati con depressione peripartum, sintomi deve iniziare entro quattro settimane dal parto.3 Tuttavia, i sintomi della depressione possono manifestarsi in qualsiasi momento.3

Inoltre, in un recente rapporto del Surgeon General degli Stati Uniti (Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti [USDHHS], 2001), gli afroamericani hanno un accesso ridotto o nessun accesso sia alle strutture di salute mentale che ai servizi sanitari (Chow, Jaffee, & Snowden, 2003) rispetto ad altri gruppi, e anche quando hanno accesso, è meno probabile che ricevano l'aiuto di cui hanno bisogno, compresi i farmaci antidepressivi per la depressione (Melfi, Croghan, Hanna, & Robinson, 2000), nonostante la loro disponibilità a partecipare alla consulenza sulla salute mentale (Blazer, Hybels, Simonsick e Hanlon, 2000).10


Screening per la depressione:

L'American Academy of Family Physicians raccomanda lo screening per la depressione nella popolazione adulta in generale, comprese le donne in gravidanza e dopo il parto.1 Lo screening dovrebbe essere implementato con sistemi adeguati per garantire una diagnosi accurata, un trattamento efficace e un follow-up appropriato.1 L'American Academy of Pediatrics raccomanda che i pediatri esaminino le madri per la depressione postpartum durante le visite del neonato a 1, 2 e 4 mesi.1 L'American College of Preventive Medicine raccomanda che i medici di base controllino tutti gli adulti per la depressione e che tutti i medici di base dovrebbero avere sistemi in atto, sia all'interno della stessa struttura di assistenza primaria sia attraverso collaborazioni con professionisti della salute mentale, per garantire la diagnosi e il trattamento accurati di questa condizione.1 L'American College of Obstetricians and Gynecologists raccomanda ai medici di sottoporre a screening i pazienti almeno una volta durante il periodo perinatale per i sintomi di depressione e ansia.1 L'Institute for Clinical Systems Improvement raccomanda ai medici di utilizzare uno strumento standardizzato per lo screening della depressione se sospettata sulla base di fattori di rischio o presentazione.1

Gli strumenti di screening della depressione comunemente usati includono il Patient Health Questionnaire (PHQ) in varie forme e le Hospital Anxiety and Depression Scales negli adulti, la Geriatric Depression Scale negli anziani e la Edinburgh Postnatal Depression Scale (EPDS) nelle donne postpartum e in gravidanza.1 Tutti i risultati positivi dello screening dovrebbero portare a una valutazione aggiuntiva che consideri la gravità della depressione e i problemi psicologici concomitanti (p. es., ansia, attacchi di panico o abuso di sostanze), diagnosi alternative e condizioni mediche.1 L'intervallo ottimale per lo screening per la depressione non è noto; sono necessarie ulteriori prove per tutte le popolazioni per identificare gli intervalli di screening ideali.1 Un approccio pragmatico in assenza di dati potrebbe includere lo screening di tutti gli adulti che non sono stati sottoposti a screening in precedenza e l'utilizzo del giudizio clinico in considerazione dei fattori di rischio, delle condizioni di comorbilità e degli eventi della vita per determinare se è giustificato uno screening aggiuntivo dei pazienti ad alto rischio.1 Nel gennaio 2016, la task force sui servizi di prevenzione degli Stati Uniti ha aggiornato la sua raccomandazione per lo screening della depressione negli adulti per includere lo screening delle donne in gravidanza e dopo il parto.3


Inoltre, le valutazioni multiculturali degli strumenti, delle procedure applicate e della generale sensibilità ed etica interculturali dovrebbero essere abbracciate da ricercatori e clinici nel campo della salute mentale (Horton, Carrington, & Lewis-Jack, 2001).10 Carrington e Maultsby (1998) ha sviluppato un manuale di trattamento di auto-aiuto per le donne afroamericane a basso reddito con depressione maggiore concomitante e abuso di cocaina, una comorbidità comune dei pazienti psichiatrici ricoverati in un'unità psichiatrica acuta (Carrington, Strickland e Andre, 1997), e ha confrontato la terapia cognitiva di gruppo e terapia ambientale di gruppo in un'unità psichiatrica ospedaliera di un ospedale urbano per un periodo di 5 anni.10 Le donne afroamericane depresse esposte alla terapia di gruppo cognitiva manualizzata avevano punteggi di depressione significativamente più bassi e tassi di ricaduta inferiori rispetto alle donne afroamericane depresse esposte alla terapia ambientale ( Carrington & Maultsby, 1998).10 Uno screening adeguato e il follow-up con valutazioni di qualità che utilizzano un modello bio-psicosociale aiuteranno i professionisti a raccogliere valutazioni integrali dei loro pazienti. 5 Questo, a sua volta, consentirà loro di trovare la diagnosi più appropriata per i loro pazienti.5 Gli screening devono essere associati a un adeguato follow-up e trattamento quando indicato (le pratiche dovrebbero essere preparate per iniziare la terapia medica, indirizzare i pazienti a cure appropriate o entrambi) e dovrebbero essere predisposti sistemi per garantire il follow-up della diagnosi e del trattamento.1 L'Institute for Clinical Systems Improvement raccomanda ai medici di utilizzare uno strumento standardizzato per lo screening della depressione se sospettata sulla base di fattori di rischio o presentazione.1


Prove di ricerca e studi:

Uno dei maggiori ostacoli a impedire alle donne di colore di ricevere cure per la depressione è una storia di discriminazione e una profonda sfiducia nei confronti delle istituzioni sanitarie negli Stati Uniti, che possono indurre le donne di colore a rifiutare l'aiuto quando ne hanno bisogno.14 Una storia di traumi e la vittimizzazione vissuta dagli afroamericani ha anche contribuito a promuovere una sfiducia culturale e barriere attitudinali nei confronti del sistema sanitario statunitense14, che possono impedire ai pazienti persino di cercare cure in primo luogo.5 Parte di questa apprensione nasce dalla sfiducia culturale che può essere collegata al progetto Tuskegee.5 Questo progetto finanziato dal governo degli Stati Uniti continua a essere un fattore che influenza negativamente la disponibilità dei neri a intraprendere studi di ricerca, portando a una sottorappresentazione.5 Si ipotizza che eventi come gli esperimenti Tuskegee contribuiscano all'atteggiamento negativo di molti neri nei confronti dell'assistenza sanitaria. 14 Alti livelli di sfiducia culturale sono stati anche collegati a uno stigma negativo della malattia mentale nella comunità afroamericana.14

Storicamente, le donne afroamericane non sono state incluse in ampi studi controllati (Weissman, Bruce, Leaf, Florio e Holzer, 1991) in numero sufficiente per generare dati generalizzabili a popolazioni più ampie di donne afroamericane.10 Quando sono state incluse in studi sugli esiti controllati in numero maggiore (Breslau, Peterson, Poisson, Schultz e Lucia, 2004) i loro dati sugli esiti non sono stati analizzati separatamente.10 Sebbene sia importante studiare le differenze razziali nei risultati del trattamento, le differenze tra americani bianchi/caucasici e I neri/afroamericani in genere non vengono studiati.10 Quando vengono segnalati, i ricercatori di solito effettuano confronti post hoc basati su campioni che non sono ugualmente rappresentativi dei gruppi confrontati.10

Sfiducia tra medico e paziente:

L'assistenza sanitaria mentale è emarginata all'interno del sistema sanitario e di solito non è una componente delle visite annuali di assistenza primaria. 15 I medici spesso affermano di non avere abbastanza tempo, non ci sono abbastanza fornitori di cure per la salute mentale e le tendenze nella formazione medica rivelano che ci saranno ancora meno psichiatri di quelli di cui abbiamo bisogno nel prossimo futuro (poiché oltre il 50% degli psichiatri e più di un terzo degli psicoterapeuti ha più di 60 anni). 15


La comunicazione tra pazienti e medici è considerata fondamentale per aiutare le donne afroamericane depresse a cambiare i presupposti e gli atteggiamenti verso il rispetto dei farmaci prescritti per curare la loro depressione.10 La ricerca mostra che l'uso dei servizi di salute mentale da parte delle donne afroamericane può anche essere influenzato da barriere tra cui, scarsa qualità dell'assistenza sanitaria (accesso limitato a medici culturalmente competenti) e corrispondenza culturale (accesso limitato al lavoro con medici di minoranza).14 I professionisti della salute mentale lo citano come un altro ostacolo significativo alla ricerca di cure per le donne afroamericane .14 ​​Sebbene il disturbo da stress post-traumatico sia grave, alcune donne nere potrebbero essere caute nel cercare aiuto da professionisti della salute mentale, in particolare se questi professionisti sono bianchi. pazienti.12 Nonostante le barriere alla ricerca di consulenza, la buona notizia è che se il paziente riesce a superare questi ostacoli, le donne di colore sono ottime candidate per molti dei trattamenti più efficaci per il disturbo da stress post-traumatico.11

Per molti afroamericani che potrebbero voler discutere dell'impatto del razzismo sulla loro salute mentale e sul loro benessere fisico, trovare un professionista della salute mentale che sia anche culturalmente competente è importante per la loro guarigione. 15 Ci sono significative disuguaglianze nell'assistenza, dalla diagnosi errata all'uso eccessivo di farmaci all'incomprensione delle espressioni culturali del disagio mentale. 15 Ma non è facile trovare professionisti della salute mentale formati nella pratica antirazzista e in altre strategie antioppressive, soprattutto al di fuori delle grandi aree urbane. 15 Secondo le stime, solo il 2 per cento degli psichiatri e poco più del 5 per cento degli psicologi sono afroamericani. 15


L'accesso è un punto centrale di contesa quando si pensa alla cura dei pazienti psichiatrici neri.5 Spesso le comunità non sono dotate di strutture e servizi adeguati.5 Dover cercare cure al di fuori del luogo in cui si vive è un'ulteriore barriera e fornisce un altro livello di questioni relative al tempo, al lavoro e ai trasporti.5 Inoltre, le differenze regionali sono significative nel comportamento di ricerca di aiuto per gli afroamericani secondo Taylor, Hardison e Chatters (1996).13 Gli afroamericani degli Stati Uniti meridionali erano più probabili a scegliere reti di parentela rispetto a quelle nord afroamericane secondo questi ricercatori.13 Questa osservazione era vera anche nel presente studio ed è supportata da Mays, Caldwell e Jackson (1996) che hanno scoperto che le donne afroamericane che vivevano nel sud erano meno è probabile che utilizzi terapisti privati ​​rispetto alle donne in altre regioni degli Stati Uniti.13 I risultati di questo studio possono aiutare i medici della salute mentale a valutare in modo sensibile le donne afroamericane per la PPD.13

Sfortunatamente, la ricerca ha mostrato una mancanza di competenza culturale nella cura della salute mentale, che si traduce in diagnosi errate e trattamenti inadeguati.16 Quando si incontra un fornitore, è importante porre domande per avere un'idea del suo livello di sensibilità culturale, hanno trattato altri afroamericani, hanno ricevuto una formazione in competenza culturale e come intendono prendere in considerazione credenze e pratiche quando suggeriscono un trattamento. 16


Nel 2001, il Surgeon General ha condotto un rapporto sulla salute mentale e ha scoperto che per i non bianchi, “Gli ostacoli principali includono il costo delle cure, lo stigma sociale e l'organizzazione frammentata dei servizi.11 Ulteriori ostacoli includono la mancanza di consapevolezza dei medici sulle questioni culturali , pregiudizio o incapacità di parlare la lingua del cliente, e la paura e la sfiducia del cliente nei confronti del trattamento” .11 Il problema più grande è la mancanza di una formazione significativa sulla diversità tra i terapeuti.11 Fino a poco tempo fa, gli psicologi clinici non ricevevano molta formazione sulla diversità nei loro corsi di laurea , e quindi non hanno mai imparato a lavorare con persone di colore.11 Ora l'APA sta cercando di reprimere questo problema e assicurarsi che gli studenti ricevano la formazione di cui hanno bisogno, ma i corsi di laurea trovano ancora molti modi per aggirare il è un requisito, di solito perché non hanno facoltà qualificate per insegnare questioni relative alla diversità agli studenti.1 Si stima che entro il 2052, quasi la metà dell'intera popolazione degli Stati Uniti sarà composta da persone etniche e razziali diverse.10 Con questo tasso crescente di gruppi razziali ed etnicamente diversi, medici e ricercatori, così come il pubblico, dovranno capire che le opinioni eurocentriche peculiari dei bianchi potrebbero non essere rilevanti o adeguate per affrontare i bisogni di salute mentale tra gli afroamericani e altri gruppi razzialmente diversi (USDHHS, 1999).10

Conoscenza e comprensione della salute:

Le donne di colore sono sovrarappresentate nelle cure ospedaliere e sottorappresentate nelle cure ambulatoriali, evidenziando la necessità di un'istruzione e di un intervento più precoci.5 Ciò può essere attribuito a diagnosi errate e ad altri problemi come l'accesso alle cure.5 Le ragioni di questa discrepanza sono numerose: mancanza di salute assicurazione, sfiducia nel sistema di assistenza sanitaria mentale, diagnosi errata dei sintomi, mancanza di competenza culturale e stigma.15 A causa dello stigma che circonda la salute mentale e la depressione, c'è un'estrema mancanza di conoscenza sulla depressione nelle comunità afroamericane.14 Ricercatori presso Mental Health America ritiene che gli afroamericani abbiano maggiori probabilità di credere che la depressione sia "normale".14 Infatti, in uno studio commissionato da Mental Health America sulla depressione, il 56% dei neri credeva che la depressione fosse una parte normale dell'invecchiamento.14 In nella comunità afroamericana, le persone spesso fraintendono cosa sia una condizione di salute mentale e quindi l'argomento è raro. 16 Questa mancanza di comprensione porta molti a credere che una condizione di salute mentale sia una debolezza personale o una forma di punizione. 16 Molti afroamericani hanno difficoltà a riconoscere i segni e i sintomi di condizioni di salute mentale come ansia e depressione, il che li porta a sottovalutare gli effetti delle condizioni di salute mentale.16

Gli afroamericani possono anche essere riluttanti a discutere di problemi di salute mentale e cercare cure a causa della vergogna e dello stigma ancora associati a tali condizioni nella loro comunità.16 Un rapporto pubblicato dal National Institute of Health (NIH) ha esaminato le rappresentazioni e le convinzioni delle donne nere riguardo malattia.14 I ricercatori citano lo scarso utilizzo dei servizi di salute mentale da parte delle donne afroamericane e identificano lo stigma come l'ostacolo più significativo alla ricerca di servizi di salute mentale tra i neri.14 Non solo un numero preoccupante di afroamericani non comprende la depressione come una grave condizione medica, ma lo stereotipo della donna nera forte porta molte donne afroamericane a credere di non avere il lusso o il tempo per sperimentare la depressione (alcune credono addirittura che sia solo qualcosa che sperimentano i bianchi).14


Non assicurato - SES e assicurazione sanitaria:

I determinanti sociali possono influenzare la salute mentale.5 Per i neri, la classe e la povertà sono due fattori di impatto.5 Ad esempio, i neri adulti che vivono al di sotto della povertà hanno una probabilità da due a tre volte maggiore di segnalare un grave disagio psicologico rispetto a quelli che vivono al di sopra della povertà.5 Forse di più dannoso, può portare alcuni neri a essere resistenti alle terapie farmacologiche.5 Negli Stati Uniti, non solo viviamo in una cultura che non supporta la salute mentale e il benessere, ma è l'unica nazione industrializzata senza maternità retribuita nazionale congedo e nessuna vacanza richiesta a livello federale. 15 E per gli afroamericani, l'assalto senza fine dello stress del razzismo e della discriminazione sistemici e personali - sia a livello macro che micro - esacerba ciò che porta la vita normale in America. 15 Esiste una forte relazione tra lo stato socioeconomico e la salute, per cui le persone nella fascia più bassa, le persone in povertà, tendono ad avere una salute peggiore e tendono ad avere meno risorse per affrontare i fattori di stress della vita.14 Secondo il National Poverty Center, i tassi di povertà per i neri superano di gran lunga la media nazionale.14 E i tassi di povertà sono più alti per le famiglie guidate da donne single, in particolare se sono nere o ispaniche.14

Con quasi il 20 percento degli afroamericani che non hanno un'assicurazione sanitaria, il costo è un fattore significativo per poter accedere ai servizi di salute mentale. 15 Includendo le valutazioni della salute mentale nelle cure primarie, ci sarà una minore necessità di costose cure specialistiche; soprattutto se le valutazioni vengono utilizzate per effettuare interventi precoci, come cambiamenti dello stile di vita e farmaci, prima che ci sia bisogno di cure acute. 15 Rendere l'assistenza sanitaria mentale accessibile e conveniente per gli afroamericani richiede sforzi coordinati tra i sistemi sanitari e sostegno e attivismo nell'arena politica.15 Diversi motivi principali spiegano gli alti tassi di depressione e i bassi tassi di trattamento della depressione tra le donne afroamericane.14 A la mancanza di un'adeguata assistenza sanitaria può contribuire in modo significativo a bassi tassi di trattamento tra gli afroamericani, in particolare le donne afroamericane.14 Secondo il Department of Health Human Servizi.14


Un rapporto pubblicato dai ricercatori dell'Università del Wisconsin-Madison ha rilevato che la povertà, la genitorialità, la discriminazione razziale e di genere mettono le donne nere, in particolare le donne nere a basso reddito, a maggior rischio di disturbo depressivo maggiore (MDD).14 Gli studi mostrano che circa il 72% delle madri nere sono single, rispetto al 29% delle bianche non ispaniche, al 53% delle ispaniche, al 66% delle native indiane d'America/dell'Alaska e al 17% delle abitanti dell'Asia/delle isole del Pacifico.14 Circa il 30% delle famiglie afroamericane ha come capofamiglia un donna senza marito presente, rispetto a circa il 9% delle famiglie bianche.6 Poiché le donne nere hanno maggiori probabilità di essere povere, di non essere sposate e di avere un figlio da sole, che sono tutti fattori di stress che possono contribuire a una cattiva salute mentale, sono anche meno probabilità di avere un'assicurazione adeguata.14

Le soluzioni al problema dell'accessibilità includono anche opzioni come avere gruppi di supporto basati sia sulla comunità che sulla fede, che risolveranno anche molti dei problemi di accessibilità e accettabilità. 15

Atteggiamenti:

La depressione può colpire chiunque, ma le differenze culturali e di genere fanno sì che le donne afroamericane vivano la depressione in modo diverso. Neri. 14 I ricercatori della National Alliance for Mental Illness (NAMI) scoprono che "le donne afroamericane tendono a riferirsi alle emozioni legate alla depressione come "male" o "recitazione".14 Evitare le emozioni era una tecnica di sopravvivenza, che ora è diventata un'abitudine culturale per gli afroamericani e un ostacolo significativo al trattamento della depressione.14 Di conseguenza, è più probabile che le donne nere affrontino la vergogna che molti provano per la cattiva salute mentale e la depressione più o meno allo stesso modo, evitando il costo emotivo che comporta loro.14


Parte della sfida nell'ottenere assistenza è la convinzione culturale che solo le persone "pazze" o "deboli" si rivolgano a professionisti della salute mentale.12 Le donne sono così impegnate a prendersi cura di tutti gli altri: i loro partner, i loro genitori anziani e i loro figli. non prendersi cura di se stesse.12 Alle donne dovrebbe essere ricordato che occuparsi dei propri bisogni, siano essi fisici o emotivi, non ti rende debole.12 Ti rende più capace di prenderti cura dei tuoi cari nel lungo periodo” . 12 Chisholm (1996) ha suggerito che la "sindrome della superdonna" può causare sentimenti di fallimento e frustrazione.13 Essere una superdonna significava che le madri si adattavano a prendersi cura dei bambini, del lavoro, delle case, delle famiglie, dei mariti e di se stesse senza lamentarsi del dolore o del disagio durante il loro periodo postpartum.13 La depressione, secondo il mito, simboleggia la debolezza interna, la mancanza di capacità mentale e la mancanza di controllo dei propri sensi, piuttosto che una malattia che richiede cure mediche.13 Avere depressione, di qualsiasi tipo, diminuiva il rispetto per una persona nella comunità afroamericana.13 L'accettazione dei miti può aver causato l'incapacità di cercare aiuto, non prendere i farmaci prescritti e/o renderli incapaci di riconoscere i segni e i sintomi della depressione quando si trovavano di fronte ad essa.13 Stereotipi come la "Angry Black Woman" o la "Black Superwoman" sono basate su una realtà in cui ci si aspetta che le donne nere facciano tutto perfettamente e tutto in una volta. 15 Attraverso l'ideale della donna nera forte, le donne afroamericane sono soggette non solo a caratterizzazioni razziste e sessiste storicamente radicate delle donne nere come gruppo, ma anche a una matrice di aspettative interrazziali irrealistiche che costruiscono le donne nere come incrollabili, inattaccabili e naturalmente forti . 14


I risultati del sondaggio della National Mental Health Association sugli atteggiamenti degli afroamericani nei confronti della depressione clinica, hanno suggerito che gli afroamericani temono di cercare aiuto per malattie mentali, si sentono in imbarazzo nel cercare aiuto e rifiutano l'aiuto a causa della negazione (Mitchell, 1998). la repressione dei sentimenti come strategia di sopravvivenza ha continuato a essere un aspetto della vita dei neri molto tempo dopo la fine della schiavitù. nella visione del mondo di molte persone di colore, mascherare, nascondere e contenere i sentimenti divenne un attributo positivo e finì per essere visto da molte persone di colore come un segno di carattere forte.13 Mostrare le proprie emozioni era visto come sciocco.13 Tradizionalmente, nelle famiglie nere del sud, ai bambini viene insegnato fin dalla tenera età che è importante reprimere i sentimenti (hooks, 1993, p. 133).13

Nonostante le sfide apparentemente grandi che le donne di colore devono affrontare per quanto riguarda la salute mentale e la depressione (come il razzismo e il sessismo), sono state in grado di sviluppare tecniche di coping alternative per affrontare vari fattori di stress e depressione (dalla società esterna e in gran parte attraverso molte relazioni e sistemi di supporto che si sono costruiti tra parenti e amici).14 Diversi tipi di supporto contribuiscono tutti alla forza del capitale sociale per ogni individuo all'interno di una comunità. 19 Una caratteristica che definisce il capitale sociale di una persona è il tipo e la forza dei suoi legami con altri individui (inclusi legami, ponti e collegamenti, legami con persone con caratteristiche sociali simili o diverse, e i legami di collegamento sono legami con colleghi in diversi livelli di gerarchie ). 19 Le identità online possono alimentare relazioni positive e aumentare il benessere psicosociale. Esistono anche prove che dimostrano che un maggiore coinvolgimento online può servire a isolare le persone dal supporto che potrebbero essere in grado di trovare nella loro posizione geografica.3


USPSTF:

La US Preventive Services Task Force (USPSTF) è un organismo indipendente e volontario che formula raccomandazioni sull'efficacia di specifici servizi di assistenza preventiva per i pazienti senza segni o sintomi correlati.1 Il Congresso degli Stati Uniti impone all'Agenzia per la ricerca e la qualità sanitaria (AHRQ) sostenere le operazioni dell'USPSTF.1 Questa raccomandazione si applica agli adulti di età pari o superiore a 18 anni.1 Le raccomandazioni dell'USPSTF non si applicano ai bambini e agli adolescenti, che sono trattati in una dichiarazione di raccomandazione dell'USPSTF separata.1 Basa le sue raccomandazioni sull'evidenza di entrambi i benefici e i danni del servizio e una valutazione dell'equilibrio.1 L'USPSTF raccomanda lo screening in tutti gli adulti indipendentemente dai fattori di rischio (popolazioni adulte in generale, i tassi di prevalenza variano in base a sesso, età, razza/etnia, istruzione, stato civile, posizione geografica , e lo stato occupazionale).1 Tuttavia, questi stessi fattori sono associati a un aumentato rischio di depressione. L'USPSTF raccomanda inoltre che lo screening sia implementato con sistemi adeguati in atto.1 "Sistemi adeguati in atto" si riferisce alla presenza di sistemi e personale clinico per garantire che i pazienti siano sottoposti a screening e, se positivi allo screening, siano adeguatamente diagnosticati e trattati con metodi basati sull'evidenza assistenza sanitaria o indirizzata a un ambiente in grado di fornire l'assistenza necessaria.1 Queste funzioni essenziali possono essere fornite attraverso un'ampia gamma di diverse disposizioni di tipi di medici e ambienti.

Nelle prove disponibili, il più basso livello effettivo di supporto consisteva in un infermiere designato che avvisava i medici residenti dei risultati positivi dello screening e forniva un protocollo che facilitava il rinvio al trattamento comportamentale basato sull'evidenza.1 Al livello più alto, il supporto includeva lo screening; formazione del personale e dei medici (workshop di 1 o 2 giorni); manuali clinici; lezioni di formazione mensili; dettagli accademici; materiali per medici, personale e pazienti; una visita iniziale con un infermiere specializzato per la valutazione, l'istruzione e la discussione delle preferenze e degli obiettivi del paziente; una visita con un infermiere specializzato per la valutazione del follow-up e il supporto continuo per l'aderenza ai farmaci; una visita con un terapista qualificato per la CBT; e un ticket ridotto per i pazienti indirizzati alla psicoterapia.1


L'USPSTF conclude che vi è un moderato beneficio netto dello screening per la depressione negli adulti, compresi gli anziani, che ricevono assistenza in pratiche cliniche che dispongono di sistemi adeguati per garantire una diagnosi accurata, un trattamento efficace e un follow-up appropriato dopo lo screening.1 L'USPSTF conclude inoltre che vi è un moderato beneficio netto dello screening per la depressione nelle donne in gravidanza e dopo il parto che ricevono assistenza nelle pratiche cliniche che dispongono di CBT o altra consulenza basata sull'evidenza disponibile dopo lo screening.1 Hanno stabilito che i programmi che combinano lo screening della depressione con un supporto adeguato i sistemi in atto migliorano gli esiti clinici (ovvero, riduzione o remissione dei sintomi della depressione) negli adulti, comprese le donne in gravidanza e dopo il parto.1 È importante che sia disponibile una gamma di opzioni di trattamento per le donne in gravidanza e dopo il parto con depressione identificate attraverso lo screening e che le scelte terapeutiche vengano effettuate attraverso un processo decisionale condiviso.1 L'USPSTF ha rivisto la sezione sull'implementazione per chiarire che una gamma di tipi di personale, disposizioni organizzative e impostazioni può essere utilizzata per supportare gli obiettivi dello screening della depressione e ha fornito un collegamento all'abuso di sostanze e Registro dell'amministrazione dei servizi di salute mentale degli interventi di salute mentale basati sull'evidenza come risorsa.1 I commenti suggeriscono che l'accesso alle risorse per lo screening e la gestione della depressione sarebbe utile.1

La Community Preventive Services Task Force, che formula raccomandazioni basate sull'evidenza sul miglioramento dei sintomi della depressione, l'aderenza al trattamento, la risposta al trattamento, la risposta alla remissione, il recupero dalla depressione, i servizi preventivi per le popolazioni della comunità e raccomanda l'assistenza collaborativa per la gestione dei disturbi depressivi come parte di un intervento multicomponente a livello di sistema sanitario che utilizza i case manager per collegare i fornitori di cure primarie, i pazienti e gli specialisti della salute mentale.1


Questa collaborazione è progettata per migliorare lo screening e la diagnosi di routine dei disturbi depressivi, nonché la gestione della depressione diagnosticata attraverso l'assistenza primaria basata su un team multidisciplinare che include il supporto all'autogestione e il coordinamento delle cure si è dimostrato efficace nella gestione della depressione. 1 Raccomanda l'assistenza collaborativa per il trattamento della depressione maggiore negli adulti di età pari o superiore a 18 anni sulla base di una forte evidenza di efficacia nel migliorare i risultati del trattamento a breve termine.1 Come definito, l'assistenza collaborativa e la gestione della malattia dei disturbi depressivi includono e un approccio basato sul team che "rafforza e sostiene la cura di sé, assicurando al tempo stesso che si svolgano efficaci interventi medici, preventivi e di mantenimento della salute" per migliorare la qualità e l'esito della cura del paziente.1

Nel 2009, l'USPSTF ha raccomandato lo screening di tutti gli adulti quando sono disponibili supporti per la cura della depressione assistita dal personale e uno screening selettivo basato sul giudizio professionale e sulle preferenze del paziente quando tale supporto non è disponibile.1 Riconoscendo che tale supporto è ora molto più ampiamente disponibile e accettato come parte della cura della salute mentale, l'attuale dichiarazione di raccomandazione ha omesso la raccomandazione riguardante lo screening selettivo, in quanto non rappresenta più la pratica clinica attuale. per la raccomandazione del 2009.1


Trattamento:

Un rapporto pubblicato dal National Institute of Health (NIH) ha esaminato le rappresentazioni e le convinzioni delle donne nere sulla malattia mentale.14 I ricercatori citano il basso utilizzo dei servizi di salute mentale da parte delle donne afroamericane e identificano lo stigma come l'ostacolo più significativo alla ricerca di servizi di salute mentale tra i neri.14 Le donne afroamericane hanno alcuni dei tassi più bassi di utilizzo di cure per la depressione e sperimentano tassi di depressione più elevati rispetto alle loro controparti bianche o maschi neri, ma ricevono tassi inferiori di cure adeguate.14 Le donne hanno almeno il doppio delle probabilità di sperimentano un episodio di depressione maggiore rispetto agli uomini e, rispetto alle loro controparti caucasiche, le donne afroamericane hanno solo la metà delle probabilità di cercare aiuto.12 Secondo l'Health and Human Services Office of Minority Health, gli afroamericani hanno il 20% in più di probabilità di sperimentano seri problemi di salute mentale rispetto alla popolazione generale.15 Eppure, secondo la National Alliance on Mental Illness, solo il 25% circa degli afroamericani cerca cure per la salute mentale rispetto al 40% dei bianchi. 15 Gli afroamericani sperimentano forme più gravi di condizioni di salute mentale a causa di bisogni insoddisfatti e altre barriere.16

La depressione viene solitamente trattata con farmaci, psicoterapia o una combinazione dei due.2 La terapia elettroconvulsivante (ECT) e altre terapie di stimolazione cerebrale, antidepressivi o approcci psicoterapeutici specifici, da sole o in combinazione sono efficaci ma non sono la risposta alla prevenzione di nuovi casi della depressione, risolve solo i sintomi.1 Dovrebbe esserci una discussione, una comunità in cui le persone che soffrono di depressione possano sfogarsi sui loro successi e fallimenti riguardo alla ricerca per trovare la depressione e/o sostenersi a vicenda.1 Le donne nere sono tra i gruppi più sottotrattati per la depressione nella nazione, che può avere gravi conseguenze per la comunità afroamericana. Donne americane.10 La mancanza di una ricerca adeguata e sufficiente sugli afroamericani contribuisce ai problemi di diagnosi errate, sottodiagnosi e sottotrattamento della depressione nelle donne afroamericane.10


Trattamento olistico:

È stato riportato che i trattamenti contestualizzati (olistici) hanno avuto successo nel ridurre i sintomi della depressione nelle donne afroamericane.10 Queste terapie olistiche affrontano sia i sintomi fisici che psicologici sia nelle modalità diagnostiche che terapeutiche (Warren, 1994).10 Chiaramente, più studi empirici su trattamenti efficaci per la depressione nelle donne afroamericane sono necessari per iniziare a ridurre il divario nelle disparità di salute mentale per le donne afroamericane e per colmare il divario nella letteratura sui trattamenti efficaci per la depressione per questo gruppo sottoservito e poco studiato.10 Offrire un modello di assistenza integrato che includa servizi avvolgenti è importante nel trattamento olistico dei pazienti psichiatrici neri, molti dei quali trovano sostegno all'interno della famiglia, delle chiese e della comunità.5


Secondo uno studio del 2010 pubblicato su Qualitative Health Research, gli afroamericani tendono ad affrontare i problemi di salute mentale utilizzando sistemi di supporto informali all'interno di famiglie, comunità e istituzioni religiose, vicini e colleghi.14 In molti casi cercano cure da ministri e medici come contrario ai professionisti della salute mentale.14 Questa forma di coping può essere utile per le donne nere che si sentono a disagio con le forme tradizionali di assistenza per la salute mentale.14 Ma può anche incoraggiare le convinzioni sullo stigma che circonda la salute mentale nella chiesa nera.14 Mays, Caldwell, e Jackson (1996) hanno scoperto che l'affiliazione religiosa era di supporto per le donne afroamericane che avevano problemi emotivi. grave malattia mentale tra le donne afroamericane.13 I ricercatori hanno scoperto che le donne afroamericane migliorano notevolmente dopo aver utilizzato metodi come la terapia cognitivo comportamentale, la terapia dell'esposizione e la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza.11


Soluzioni proposte:

Il modo in cui comunichiamo, in quanto comunità geografiche che di solito condividono informazioni tramite sistemi di bacheche elettroniche e reti private che consentono comunità peer to peer, viene ridefinito come social media e sta rimodellando il modo in cui le persone si identificano, comunicano e si associano all'interno e tra di loro comunità.17 Il modo in cui la società definisce la "comunità" è in continua evoluzione e sottogruppi di comunità geografiche trovano modi diversi per comunicare tra loro. Le comunità virtuali possono persino sostituire o integrare completamente i gruppi di supporto faccia a faccia.17 Tuttavia, con più metodi di comunicazione, arrivano maggiori opportunità di dare, condividere e ricevere informazioni (se le informazioni sono vere o false).17 Essendo il mezzo principale per le comunità virtuali è Internet (tramite mailing list, newsgroup o forum di discussione in rete, forum di discussione basati sul Web e chat room dal vivo), il supporto sociale formato o facilitato nelle comunità geografiche non è più delimitato da confini politici o distanza geografica.17,19


Le comunità sono essenzialmente un'unione di sottogruppi che condividono pensieri, esperienze, idee, valori e determinati interessi. I sottogruppi possono essere suddivisi in compartimenti in base a variabili demografiche, risorse utilizzate e persino in base ai diversi modi in cui i suoi componenti comunicano tra loro. Un gruppo di supporto online per donne afroamericane che soffrono di depressione, ideato da professioniste sanitarie afroamericane, può aiutare a rafforzare e mantenere la relazione medico-paziente; dimostrare che la costruzione di una comunità (online o geografica) porta a interventi efficaci. Le comunità forniscono un supporto aggiuntivo e/o sufficientemente adeguato ai suoi componenti e sottogruppi, lasciando un'impressione più duratura di un intervento sia su quelli geografici che virtuali. Ciò richiederebbe che la comunità sia identificata accuratamente, presentata con informazioni corrette e che l'intervento abbia un risultato/effetto valido, a livello di comunità e affidabile. Corsi come il pronto soccorso per la salute mentale aiuteranno le comunità e i professionisti nella diagnosi precoce e nel rinvio a servizi che ridurranno le crisi di salute mentale che possono avere impatti negativi per tutta la vita. 15 Gli studi clinici sono studi di ricerca che esaminano nuovi modi per prevenire, rilevare o curare malattie e condizioni, inclusa la depressione.2 Durante gli studi clinici, alcuni partecipanti ricevono trattamenti in fase di studio che potrebbero essere nuovi farmaci o nuove combinazioni di farmaci, nuove procedure chirurgiche o dispositivi, o nuovi modi per utilizzare i trattamenti esistenti.2 Altri partecipanti (nel "gruppo di controllo") ricevono un trattamento standard, come un farmaco già sul mercato, un farmaco placebo inattivo o nessun trattamento.2 L'obiettivo del trattamento clinico sperimentali serve a determinare se un nuovo test o trattamento funziona ed è sicuro.2 Sebbene i singoli partecipanti possano trarre vantaggio dall'essere parte di uno studio clinico, i partecipanti devono essere consapevoli che lo scopo principale di uno studio clinico è acquisire nuove conoscenze scientifiche in modo che altri potrebbe essere meglio aiutato in futuro.2


È necessario utilizzare un approccio qualitativo per esaminare la depressione tra le donne afroamericane.13 Sulla base dei vantaggi evidenziati da Quimby nell'applicare approcci di ricerca qualitativa ed etnografica (vale a dire, attribuire un valore elevato alle credenze, agli atteggiamenti e ai presupposti del gruppo in esame mentre aumentare i tassi di ritenzione e conformità ai protocolli)10, un approccio qualitativo sarebbe ritenuto appropriato per esaminare il supporto sociale da gruppi di supporto sociale online (come parte di uno studio di nove mesi) come metodo per ridurre i casi di depressione tra le donne afroamericane .13


Il reclutamento e i colloqui possono essere condotti fino alla saturazione dei dati.13 Le assunzioni per il gruppo di supporto online verrebbero ottenute da colleghi professionali e personali.13 I criteri per l'inclusione includevano anche l'età superiore ai 18 anni, la lingua inglese, un afroamericano donna e/o una donna afroamericana che aveva avuto PPD nei 3 anni precedenti.13

Le donne afroamericane gravide e non gravide sarebbero incentivate a partecipare a un gruppo di supporto sociale online che fa parte di uno studio di nove mesi, se riferissero di essere state diagnosticate come affette da disturbo depressivo maggiore, depressione suicida, PTSD, post-partum Depressione o depressione perinatale da parte del proprio medico o mediante autovalutazione della depressione dopo il parto.13 I partecipanti verrebbero sottoposti a screening utilizzando questionari a risposta aperta basati sui risultati della ricerca di studi precedentemente menzionati.13

Questo questionario/strumento di screening incorporerebbe domande riguardanti lo stress percepito dalle madri afroamericane immediatamente dopo il parto, domande sui livelli di sostegno familiare e sociale percepiti e ricevuti dalle donne afroamericane, percezione di essere sovraccaricate o sopraffatte e pensieri di pensieri di danno, perdita controllo e suicidio.13 Invece di compilare un semplice modulo cartaceo dato nella sala d'attesa, può essere fatto elettronicamente prima di presentarci per la nostra visita annuale o su un tablet di qualche tipo. 15 Ciò renderebbe accessibile l'assistenza più basilare per la salute mentale e renderebbe più accettabile parlare di salute mentale. 15 Poiché il mezzo principale per le comunità virtuali è Internet (tramite mailing list, newsgroup o forum di discussione in rete, forum di discussione basati sul Web e chat dal vivo), il supporto sociale formato o facilitato nelle comunità geografiche non è più delimitato da confini politici o geografici distanza.17, 19 Il reclutamento e i colloqui possono essere condotti fino alla saturazione dei dati.13 Le assunzioni per il gruppo di supporto online verrebbero ottenute da colleghi professionali e personali.13 I criteri per l'inclusione includevano anche l'età superiore ai 18 anni, la lingua inglese, un afroamericano donna e/o una donna afroamericana che aveva avuto PPD nei 3 anni precedenti.13

Le donne afroamericane gravide e non gravide sarebbero incentivate a partecipare a un gruppo di supporto sociale online che fa parte di uno studio di nove mesi, se riferissero di essere state diagnosticate come affette da disturbo depressivo maggiore, depressione suicida, PTSD, post-partum Depressione o depressione perinatale da parte del proprio medico o mediante autovalutazione della depressione dopo il parto.13 I partecipanti verrebbero sottoposti a screening utilizzando questionari a risposta aperta basati sui risultati della ricerca di studi precedentemente menzionati.13

Questo questionario/strumento di screening incorporerebbe domande riguardanti lo stress percepito dalle madri afroamericane immediatamente dopo il parto, domande sui livelli di sostegno familiare e sociale percepiti e ricevuti dalle donne afroamericane, percezione di essere sovraccaricate o sopraffatte e pensieri di pensieri di danno, perdita controllo e suicidio.13 Invece di compilare un semplice modulo cartaceo dato nella sala d'attesa, può essere fatto elettronicamente prima di presentarci per la nostra visita annuale o su un tablet di qualche tipo. 15 Ciò renderebbe accessibile l'assistenza più basilare per la salute mentale e renderebbe più accettabile parlare di salute mentale. 15 Poiché il mezzo principale per le comunità virtuali è Internet (tramite mailing list, newsgroup o forum di discussione in rete, forum di discussione basati sul Web e chat dal vivo), il supporto sociale formato o facilitato nelle comunità geografiche non è più delimitato da confini politici o geografici distanza.17, 19


Per affrontare il problema dell'accessibilità, ci sarà un reclutamento e una formazione di operatori sanitari mentali neri e la formazione di più operatori in metodologie culturalmente competenti. 15 (È importante notare che essere neri non rende per impostazione predefinita una persona esperta nella pratica antirazzista). . 15 La necessità di continuare a sostenere una maggiore copertura assicurativa sanitaria e la fornitura di servizi di salute mentale a basso costo è più urgente che mai. 15 È importante trovare un fornitore che dimostri competenza culturale, che descriva la capacità dei sistemi sanitari di fornire assistenza a pazienti con valori, convinzioni e comportamenti diversi e tenendo conto delle loro esigenze sociali, culturali e linguistiche.16

Sfide percepite:

Quimby delinea anche gli svantaggi degli approcci di ricerca qualitativa ed etnografica (ovvero, percezioni potenzialmente distorte di ricercatori/intervistatori che non sono consapevoli delle insidie ​​di questo tipo di raccolta di dati, ad esempio, generalizzazione da popolazioni più piccole e altamente bisognose a popolazioni più numerose) con risultati che sono falsi, perpetuando in tal modo la segnalazione imprecisa di dati relativi a gruppi etnici e culturalmente diversi.10


Le variazioni nell'affidabilità e nella validità dei metodi e delle procedure diagnostiche possono e devono essere affrontate in studi clinici controllati e specialmente in studi le cui popolazioni sono etnicamente e culturalmente diverse dalle popolazioni su cui sono stati standardizzati gli strumenti di valutazione.10 Molti studi composti da gruppi etnicamente diversi falliscono anche per discutere i limiti dello studio associati all'indeterminata o scarsa affidabilità e validità dei metodi utilizzati e applicati ai gruppi oggetto di studio (Chou, Jiann-Chyun, & Chu, 2002).10


Mentre la depressione è una vera malattia che dovrebbe essere presa sul serio, non esiste un test diagnostico specifico per la depressione peripartum.3 Per essere diagnosticata con depressione peripartum, i sintomi devono iniziare entro quattro settimane dal parto, tuttavia, i sintomi della depressione possono manifestarsi in qualsiasi momento. 3 Sebbene non esista un test diagnostico specifico per la depressione peripartum, si tratta di una malattia reale che dovrebbe essere presa sul serio.3 L'intervallo ottimale per lo screening della depressione non è noto; sono necessarie ulteriori prove per tutte le popolazioni per identificare gli intervalli di screening ideali.1 Lo screening deve essere associato a follow-up e trattamento appropriati quando indicato (preparativi fatti per iniziare la terapia medica, indirizzare i pazienti a cure appropriate o entrambi) e i sistemi dovrebbero essere in luogo per garantire il follow-up per la diagnosi e il trattamento.1

Uno studio ha confrontato un gruppo di supporto mediato dal computer (posta vocale) con un gruppo faccia a faccia, rilevando che i tassi di partecipazione erano significativamente più alti nel gruppo virtuale, ma un altro studio ha mostrato che i gruppi virtuali possono essere meno efficaci dei gruppi faccia a faccia per sostenere la perdita di peso. 17 Al momento non è chiaro se la partecipazione a un gruppo tra pari riduca o aumenti il ​​ricorso all'assistenza sanitaria.17 I partecipanti ai gruppi di auto-aiuto possono essere un sottogruppo auto-selezionato in cui i processi di auto-aiuto sono efficaci, ma ciò non significa che non c'è coinvolgimento di altri operatori sanitari in quel processo.17 In alcuni casi, i partecipanti possono avere il desiderio intrinseco di comunicare con altre persone, il che può dimostrare che le comunità virtuali non sono così utili.17 Ci sono molti casi in cui Gli interventi peer-to-peer “autonomi” hanno avuto il coinvolgimento di operatori sanitari, con individui formati che guidavano i gruppi come moderatori o facilitatori stimolando discussioni, formulando domande o pubblicando argomenti di interesse o materiale educativo nelle bacheche.17 Tuttavia, ci dovrebbe essere ancora essere una discussione, una comunità in cui le persone che soffrono di depressione possono sfogarsi sui loro successi e fallimenti riguardo alla ricerca per trovare la depressione e/o sostenersi a vicenda.1


Conclusione:

La teoria dell'accomodamento della comunicazione (Giles, Coupland & Coupland, 1991) avrebbe più senso come base di un intervento progettato per aumentare il sostegno sociale percepito dalle donne e dalle madri afroamericane che soffrono di diverse forme di depressione (tra cui

Depressione clinica, depressione suicidaria, depressione post-partum, depressione peripartum, depressione non trattata e PTSD) perché può aiutarci a comprendere la formazione di reti di supporto per le donne nere depresse che soffrono di depressione, sulla base di fattori interpersonali da rimodellare, fornire e replicare altre reti di reti di supporto per loro sulla base di tali risultati.



Un gruppo di supporto online che collabora con altri gruppi di difesa, gruppi di ricerca, politici statali e locali può imporre un processo di valutazione più complesso di questo gruppo di supporto online, come strategia di intervento per rendere accessibile l'assistenza sanitaria mentale e rendere la salute mentale più accettabile per parlare circa tra donne nere depresse. Creando anche una serie di politiche basate su un modello sociale positivo che richiederebbe a tutti i gruppi di supporto online di stabilire uno standard generalizzabile di conseguenze per coloro che non aderiscono alla politica e al codice di condotta di una comunità online durante la durata della loro partecipazione a tale il gruppo di supporto online migliorerebbe il capitale sociale online e guadagnerebbe la fiducia sociale tra le comunità online ei loro intergruppi.19


Applicare standard di controllo complesso ai partecipanti che si iscrivono a gruppi di supporto online e garantire che i suoi partecipanti aderiscano a quel codice di condotta per tutta la durata della loro partecipazione a quel gruppo online, può rendere più facile per le donne nere e le madri che soffrono di depressione per creare le proprie identità e promuovere i loro atteggiamenti intergruppo più comunità online.


Le comunità online hanno un effetto sulla fidelizzazione dei partecipanti e sull'efficacia degli interventi automatizzati sullo stile di vita, proprio come le comunità geografiche.18 Una comunità online attiva potrebbe contenere storie pubblicate dagli utenti sul superamento delle barriere, messaggi empatici di supporto per coloro che stanno lottando e celebrazioni del successo18 Se noi può capire come un supporto sociale efficace può essere massimizzato dai gruppi di supporto elettronico, potrebbe sfruttare il supporto sociale, modelli sociali positivi e contenuti dinamici per mantenere gli utenti coinvolti nel programma e supportare il cambiamento di comportamento.18




References:

  1. Recommendations for Screening for Depression in Adults - JAMA. (n.d.). Retrieved from https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2484316.

  2. Depression Basics. (n.d.). Retrieved from https://www.nimh.nih.gov/health/publications/depression/index.shtml

  3. (n.d.). Retrieved from https://www.apa.org/pi/women/resources/reports/postpartum-depression

  4. International Foundation for Research and Education on Depression. (n.d.). Retrieved from https://www.ifred.org/

  5. Best Practice Highlights African Americans/Blacks. (n.d.). Retrieved from https://www.psychiatry.org/File Library/Psychiatrists/Cultural-Competency/Treating-Diverse-Populations/Best-Practices-AfricanAmerican-Patients.pdf

  6. (n.d.). Retrieved from https://www.apa.org/advocacy/health-disparities/health-care-reform

  7. (n.d.). Retrieved from https://www.psychiatry.org/psychiatrists/cultural-competency/education/mental-health-facts

  8. Abrams, J. A., Hill, A., & Maxwell, M. (2019, May). Underneath the Mask of the Strong Black Woman Schema: Disentangling Influences of Strength and Self-Silencing on Depressive Symptoms among U.S. Black Women. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31086431

  9. Jagannathan, M. (2018, December 18). What keeps some black women from seeking mental health care - and how therapists are working to change that. Retrieved from https://www.marketwatch.com/story/what-keeps-some-black-women-from-seeking-mental-health-care-and-how-therapists-are-working-to-change-that-2018-12-18

  10. Carrington, C. H. (2006, July). Clinical depression in African American women: diagnoses, treatment, and research. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16703605

  11. Abrams, J. A., Hill, A., & Maxwell, M. (2019, May). Underneath the Mask of the Strong Black Woman Schema: Disentangling Influences of Strength and Self-Silencing on Depressive Symptoms among U.S. Black Women. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31086431

  12. Mental Health Among African-American Women. (n.d.). Retrieved from https://www.hopkinsmedicine.org/health/wellness-and-prevention/mental-health-among-african-american-women

  13. (PDF) Postpartum Depression Among African-American Women. (n.d.). Retrieved from https://www.researchgate.net/publication/10867385_Postpartum_Depression_Among_African-American_Women

  14. Hamm, N. (2018, October 8). African-American Women and Depression. Retrieved from https://psychcentral.com/lib/african-american-women-and-depression/

  15. White, R. C. (2018, July 27). "We Need to Normalize Mental Health Care in the Black Community.". Retrieved from https://thriveglobal.com/stories/mental-health-black-community/

  16. Facts & Statistics. (n.d.). Retrieved from https://adaa.org/about-adaa/press-room/facts-statistics

  17. Eysenbach, G., Powell, J., Englesakis, M., Rizo, C., & Stern, A. (2004). Health related virtual communities and electronic support groups: systematic review of the effects of online peer to peer interactions. Bmj, 328(7449), 1166. doi: 10.1136/bmj.328.7449.1166

  18. Richardson, C. R., Buis, L. R., Janney, A. W., Goodrich, D. E., Sen, A., Hess, M. L., … Piette, J. D. (2010, December 17). An online community improves adherence in an internet-mediated walking program. Part 1: results of a randomized controlled trial. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3056526/.

  19. Cooper, S., & Palmedo, C. (n.d.). Social Media as a Transformative Force in Intercultural Health Communications: A Case Study of The Badass Army. Social Media as a Transformative Force in Intercultural Health Communications: A Case Study of The BADASS Army. Retrieved from https://bbhosted.cuny.edu/webapps/blackboard/execute/content/file?cmd=view&content_id=_43186947_1&course_id=_1762708_1&launch_in_new=true






Commentaires


bottom of page