top of page

La Storia Dietro Il Giorno Della Memoria


Il vincitore del premio Pulitzer David Blight ha cercato di sensibilizzare gli schiavi liberati che decoravano le tombe dei soldati e secondo il suo libro "Race and Reunion, the Civil War in American Memory". Descrive una commemorazione organizzata da schiavi liberati e alcuni missionari bianchi che ebbe luogo il 1 maggio 1865 a Charleston, nella Carolina del Sud, in un ex ippodromo di piantatori dove i Confederati tenevano prigionieri i soldati dell'Unione durante gli ultimi anni di guerra. Almeno 257 soldati morirono, molti morirono di malattie e furono sepolti in tombe anonime.


I residenti neri di Charleston hanno deciso di dare loro una degna sepoltura, quindi circa dieci giorni prima dell'evento, circa due dozzine di charlestoniani afroamericani hanno riorganizzato le tombe in file e hanno costruito intorno a loro un recinto bianco alto 10 piedi.


Un arco in alto recitava in lettere nere "Martiri dell'ippodromo". Circa 10.000 persone, per lo più residenti neri, hanno partecipato al tributo del 1° maggio, secondo la copertura del Charleston Daily Courier e del New York Tribune. A partire dalle 9:00, circa 3.000 scolari neri hanno sfilato intorno all'ippodromo tenendo rose e cantando l'inno sindacale “John Brown's Body” e sono stati seguiti da adulti in rappresentanza delle Società di aiuto per uomini e donne neri liberati.


I pastori neri hanno tenuto sermoni e hanno guidato i partecipanti nella preghiera e nel canto degli spirituali. James Redpath, il direttore bianco della Freedmen's Education nella regione, ha organizzato circa 30 discorsi di funzionari sindacali, missionari e ministri neri. I partecipanti hanno cantato canzoni patriottiche e nel pomeriggio circa tre reggimenti sindacali bianchi e neri hanno marciato intorno alle tombe e organizzato un'esercitazione. Il New York Tribune ha descritto il tributo come una processione di amici e persone in lutto come la Carolina del Sud e gli Stati Uniti non hanno mai visto prima che le tombe sembrino una massa di fiori. Questo è stato il tributo che ha dato vita a una tradizione americana. Come scrisse David Blight nel suo libro Race and Reunion, la guerra era finita e il Memorial Day era stato istituito dagli afroamericani in un rito di ricordo e consacrazione. Il Memorial Day era diventato una festa nazionale nel 1889 e ci volle un secolo prima che fosse spostato nel 1968 all'ultimo lunedì di maggio, dove rimane oggi. Il tributo del giorno della memoria degli schiavi liberati, che non è ben ricordato, è molto emblematico della lotta che sarebbe seguita mentre gli afroamericani lottano per essere pienamente riconosciuti per il loro contributo alla società americana che continua ancora oggi.



3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page