• Wandeth Gonzo

L'amata Di Toni Morrison

Aggiornamento: 7 mar


Il libro Beloved si è svolto in circostanze molto cariche di razza razziale, con personaggi che hanno sentito l'ondulazione della schiavitù o ne beneficiano, ne sono vittime, ne sono testimoni, la sostengono o si oppongono. Halle è una schiava che ha generato una ragazza di nome Denver, è figlio di una schiava di nome Baby Suggs ed è il marito di una schiava di nome Sethe. Halle ha lavorato duramente nella piantagione di Mr. and Mrs. Garner in un posto che molti schiavi chiamavano "Sweet Home" ed è stato in grado di comprare sua madre dalla schiavitù trasferendola a Cincinnati, Ohio. Sethe incinta scappa per andare a vivere con Baby Suggs, tuttavia Halle non ce l'ha fatta a raggiungere il Nord, anche se è morto nel tentativo di farlo. Baby Suggs si prende cura di Sethe per un breve periodo mentre l'insegnante di 124 Sweet Home arriva in Ohio per catturare Sethe e i suoi figli per tornare a Sweet Home a lavorare durante i suoi ultimi anni di vita.

Sethe è una madre che ha subito abusi fisici, sessuali, spirituali ed emotivi come schiava. Finisce per fuggire in un capannone con l'intenzione di tentare l'infanticidio dei propri figli e suicidarsi. Finisce per uccidere il figlio maggiore con una sega e prima che possa uccidere i suoi due ragazzi e se stessa, uno sceriffo bianco la porta in custodia. Quando viene rilasciata dal carcere, Sethe si trasferisce al 124 di Sweet Home, dove vive con i suoi due figli che alla fine sono scappati, sua figlia Denver, che è stentata nella sua crescita in cerca di una sorta di compagnia, e Baby Suggs.


Beloved è stato descritto per la prima volta come uno spirito che ha abitato 124 Sweet Home e ha traumatizzato i figli di Sethe, Howard e Buglar, Baby Suggs, Sethe, Denver e infine Paul D. Dopo che Howard e Buglar scappano e Baby Suggs muore, Paul D si trasferisce in casa e diventa L'amante di Sethe. Denver era gelosa della relazione che Sethe aveva con Paul D a causa di tutte le attenzioni che sua madre prestava. Paul D essere in grado di cacciare Amato fuori dalla casa ha reso Denver più infuriato con lui. Un giorno, di ritorno da un carnevale, Sethe, Paul D e Denver incontrano una donna che più avanti nel libro si scopre essere l'Amato, reincarnato. L'amata è ora nella carne e si trasferisce al 124 Sweet Home per il gradimento di Denver, dal momento che Denver era stata alienata e viveva in solitudine per gran parte della sua vita. Dopo aver commesso un crimine arriva il senso di colpa, ma Amato rientra nella vita di Sethe è preso come un simbolo di perdono (per l'atto di infanticidio che ha commesso) invece di colpa. Denver diventa ossessionato da Denver ma Beloved non ricambia davvero la stessa quantità di interesse che Denver le mostra, invece trasuda interesse per Sethe e diventa pericolosamente ossessionata da Sethe.

Non c'è alcun argomento etico che possa rendere legittimo l'infanticidio, tuttavia posso capire le condizioni legittime che hanno fatto credere a Sethe che uccidere Amato fosse la cosa giusta da fare come madre. Credo che lo spirito di Beloved abbia perseguitato Sethe da quando Sethe ha ucciso Beloved. Uccidere l'Amato è stata un'azione della resistenza di Sethe alla schiavitù che ha preso per proteggere l'Amato dall'essere una schiava. Agli occhi di Sethe è meglio essere morta, che essere una schiava e permettere a sua figlia di subire tutti gli abusi fisici, sessuali, spirituali ed emotivi che ha subito. Quando si tratta di stupro, le schiave hanno sofferto molto per mano di uomini bianchi e neri e la loro maternità è stata loro portata via. Alle schiave è stato insegnato a non amare i propri figli, soprattutto perché non hanno alcuna posizione o input sulle decisioni che vengono prese nella vita dei loro figli. Sethe non ha mostrato alcun amore verso i suoi figli, dato che ha dato alla luce i suoi figli, non ha dato loro nomi e non ha stretto nessuno di loro in un caldo abbraccio, tranne Denver. Sebbene amasse moltissimo Denver con sgomento degli altri, cercò di fare tutto il necessario per tenere i suoi figli fuori dalla schiavitù. Pensava che fosse meglio morire con dignità piuttosto che vivere con vergogna.

Secondo Immanuel Kant, si deve seguire la prima proposizione di moralità, che è un'azione che deve essere compiuta per senso del dovere, se si vuole avere valore morale. Sethe stava esercitando i suoi doveri materni assicurandosi che i suoi figli avessero una vita sana e felice. Come schiava, non si poteva garantire che i suoi figli fossero in grado di perseguire la felicità o che avrebbe vissuto una vita sana. L'unico modo in cui Sethe sapeva come far scappare i suoi figli dal mondo infido in cui li aveva fatti nascere era ucciderli (in questo modo sapeva che i suoi figli morti non sarebbero mai potuti diventare schiavi). Sethe stava compiendo il suo dovere di madre che amava i suoi figli e voleva che avessero una vita migliore di quella di una schiava (che era l'unica opzione disponibile per loro). La sua buona volontà non era incline alla morale universale, ma piuttosto motivata dal dovere. La legge morale deve essere un'affermazione categorica e deve essere obbedita. Sethe era giustificato nell'uccidere Beloved perché la vita di Beloved era destinata a essere ridotta in schiavitù se fosse cresciuta in quel periodo come figlia di una schiava nera. La società credeva che gli schiavi fossero selvaggi che dovevano essere civilizzati non solo attraverso la religione ma attraverso l'addomesticamento violento. Nella società razzista, misogina e patriarcale di quel tempo, gli uomini bianchi credevano che Dio avesse lasciato loro il comando di tutta la creazione, riducendo gli schiavi allo status di animali. L'imperativo categorico su cui operava Sethe era la massima della maternità e di fornire una vita e un futuro migliori di quelli che aveva ai suoi figli. Il futuro non è mai certo, tuttavia, se sei una donna schiava durante quel periodo di tempo in America (inizio del 1800) con un figlio generato da un'altra persona schiava, molto probabilmente il bambino sarebbe diventato uno schiavo. La massima di Sethe è che è meglio morire con dignità che vivere nella vergogna e fare tutto il necessario per tenere i suoi figli fuori dalla schiavitù, quindi in quella circostanza, sì; Sethe era giustificato nell'uccidere Amato che può essere visto più come un omicidio per pietà.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti