top of page

Il Ribaltamento di Roe vs Wade



  

Nel luglio 2022, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso una decisione nel caso Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization, in cui la decisione della Corte Suprema Roe v. Wade sull’accesso legalizzato all’aborto negli Stati Uniti è stata annullata. In base a questa decisione, le donne che vivono negli Stati Uniti non hanno più il diritto costituzionale di avere completa autonomia del proprio corpo, poiché ogni stato può ora decidere in modo indipendente sulla legalità dell'aborto.

 

Nel 2022, 26 stati degli Stati Uniti erano già pronti a emanare molteplici divieti di aborto. Tredici stati dei 26 sopra menzionati avevano divieti di aborto che furono automaticamente implementati quando Roe v. Wade fu revocato. L’aborto non era consentito oltre il primo trimestre o un altro momento della gravidanza (noti anche come divieti sull’età gestazionale) in undici stati degli Stati Uniti.

 

Fortunatamente, ci sono 15 stati, oltre al Distretto di Columbia, che hanno leggi in vigore per proteggere la scelta di abortire di una donna. Dei 15 sopra menzionati, Maryland, Connecticut e California hanno introdotto protezioni più ampie e onnicomprensive per proteggere la scelta di aborto delle donne, in previsione che le donne dei 26 stati con divieto di aborto si recherebbero negli stati protettivi per cercare una possibilità riproduttiva. servizi sanitari.

 

Abortire in sicurezza non è necessariamente pericoloso o dannoso per le donne, ma vedersi negato l’aborto lo è. Decenni di ricerche dimostrano costantemente che i divieti e le restrizioni all’aborto non riducono le gravidanze indesiderate, non diminuiscono la domanda di aborto e non migliorano la salute delle donne. Al contrario, impongono ostacoli significativi all’ottenimento delle cure, causando stress alle persone che necessitano di abortire e portando alcune a sperimentare una gravidanza forzata con tutte le sue conseguenze. Le restrizioni all’aborto hanno già un impatto sproporzionato e diseguale sulle comunità nere e marroni, sulle altre persone di colore, sulle persone a basso reddito, sui giovani, sulle comunità LGBTQ, sugli immigrati e sulle persone con disabilità.

 

La forte concentrazione di stati nel Sud che limitano o vietano l’aborto ha un impatto maggiore sulle comunità di colore, perché più della metà di tutte le donne nere degli Stati Uniti e un’alta percentuale di donne latine vivono nel Sud. Questi gruppi affrontano difficoltà sproporzionate nell’ottenere cure per l’aborto. Il risultato potrebbe essere che le donne povere e di colore siano costrette a portare avanti una gravidanza involontaria che potrebbe esporle.

 

Molte donne di colore hanno risorse finanziarie e opzioni di trasporto più limitate rispetto alle donne bianche, il che renderebbe loro più difficile viaggiare fuori dallo stato per abortire. È probabile che i viaggi fuori dallo stato aumentino il costo dell’aborto a causa dei costi aggiuntivi di trasporto, alloggio e assistenza all’infanzia. Oltre alle esigenze di assistenza dei bambini già esistenti, le limitate opzioni di trasporto potrebbero davvero rendere impossibile per queste donne viaggiare per ottenere servizi. Potrebbero anche esserci più posti di lavoro persi, il che significa perdita di retribuzione, aumento del costo economico dell’aborto (l’attuale occupazione potrebbe rendere impossibile per le donne lasciare il lavoro per il periodo di tempo necessario per viaggiare in uno stato che ha accesso alle cure per l’aborto).

 

I fattori associati a gravidanze multiple indesiderate includono:

 

Età (età crescente),

Razza (nera, ispanica),

Stato socioeconomico (reddito al di sotto del livello di povertà),

Trauma (vivere un primo rapporto sessuale non volontario soprattutto in giovane età, partecipare al commercio del sesso, vivere eventi di vita stressanti),

Salute sessuale (avere avuto un precedente aborto).

 

La salute sessuale delle donne di mezza età è spesso trascurata dagli operatori sanitari, nonostante l’aumento dei tassi di infezioni a trasmissione sessuale e di gravidanze indesiderate durante questa parte della vita.

 

Molte donne sulla quarantina rimangono incinte perché credono erroneamente che una ridotta fertilità significhi che non hanno più bisogno della contraccezione. Con una scarsa attenzione alla salute sessuale delle donne di mezza età, i bisogni contraccettivi potrebbero non essere affrontati e sarà più probabile che si verifichi una gravidanza involontaria.

 

In alternativa, alle donne di mezza età potrebbe essere detto che non sono più fertili quando, in realtà, la fertilità può essere irregolare per anni prima che le donne smettano completamente di ovulare. Alcune autorità raccomandano alle donne sotto i 55 anni di continuare a usare la contraccezione se non vogliono altri figli.

 

Man mano che le donne invecchiano, è più probabile che abbiano bisogni che richiedono cure mediche continue, soprattutto perché le condizioni di salute croniche aumentano il rischio di complicanze della gravidanza. Le conseguenze di un aborto spontaneo nella fase successiva della gravidanza, in assenza di accesso all’aborto, possono impedire alle donne di ottenere le cure necessarie per garantire la loro migliore salute mentale e fisica. Inoltre, la mancanza di accesso all’aborto può costringere una donna a portare in grembo un feto morto più a lungo del necessario, perché la procedura per il trattamento dell’aborto spontaneo e dell’aborto è la stessa.

C’è incertezza sulla capacità dei fornitori e delle cliniche negli stati che proteggono l’aborto di fornire assistenza per l’aborto a un numero maggiore di donne provenienti da stati che vietano l’aborto. I rischi per la salute associati alla gravidanza nelle donne di mezza età possono essere pericolosi per la vita, in particolare perché la formazione degli operatori sanitari potrebbe non includere la cura dell’aborto e la gestione delle complicanze.

 

Un personale sanitario non addestrato nella gestione delle complicazioni della gravidanza e/o dell’aborto può contribuire ai rischi per la salute delle donne di mezza età, soprattutto se queste donne, per circostanze, non sono in grado di interrompere una gravidanza non voluta. I laureati in medicina senza formazione sull’aborto avranno competenze limitate per gestire le complicazioni della gravidanza, tra cui il distacco della placenta, le infezioni, la gravidanza ectopica e l’eclampsia, perché gli stessi farmaci e le stesse tecniche chirurgiche utilizzate per l’aborto trattano anche le complicanze ostetriche.

 

Inoltre, il sistema sanitario statunitense ha una storia di pratiche razziste che prendono di mira la salute sessuale e riproduttiva delle persone di colore, tra cui la sterilizzazione forzata, la sperimentazione medica, la riduzione sistematica dell’ostetricia laica e la discriminazione da parte dei singoli operatori, compresi trattamenti sprezzanti, assunzione di stereotipi e disattenzione verso condizioni, come i fibromi, che impongono un tributo sproporzionato alle donne di colore. I determinanti sociali della salute (reddito, alloggio, sicurezza e istruzione) influenzano le decisioni relative alla pianificazione familiare e alla salute riproduttiva.

 

Le strategie che supportano l’accesso all’aborto e che possono essere implementate immediatamente includono:

 

• Rafforzare l'educazione alla salute sessuale fornita nelle scuole per aumentare la consapevolezza delle opzioni per prevenire gravidanze indesiderate o non pianificate

• Migliorare l'accesso alle informazioni sulla fertilità e sulla gestione della fertilità, compreso il monitoraggio dei cicli mestruali e dello stato della menopausa, e approcci anticoncezionali affidabili ed efficaci per tutte le fasi della vita riproduttiva, con attenzione alle esigenze specifiche delle donne di mezza età

• Sostenere l'inclusione di una copertura esplicita di contraccettivi efficaci e affidabili e di altri metodi di prevenzione della gravidanza nei piani di assicurazione sanitaria

• Fornire una diagnosi precoce della gravidanza facilmente accessibile e conveniente

• Fornire alle donne contraccettivi “il giorno dopo” da avere a portata di mano “per ogni evenienza” (Piano B)

• Sostenere politiche che assicurino il diritto delle donne ad agire sui nostri corpi.

 

Risorse:

 

1.     Berg JA, Woods NF. Overturning Roe v. Wade: consequences for midlife women's health and well-being. Womens Midlife Health. 2023 Jan 6;9(1):2. doi: 10.1186/s40695-022-00085-8. PMID: 36609311; PMCID: PMC9824972.

0 visualizzazioni0 commenti

留言


bottom of page