Il Padre Dell'epidemiologia

Aggiornamento: 19 mar


Il colera è una malattia infettiva che divenne una grave minaccia per la salute durante il 1800. La storia è stata elegantemente raccontata in The Ghost Map da Steven Johnson, che descrive le condizioni a Londra nella situazione del 1800 nel breve video qui sotto. Il colera continua ad essere un problema in tutto il mondo oggi (vedi Colera ad Haiti). Il prossimo video descrive l'epidemia di colera ad Haiti nel 2010. Nel 1800 ci furono grandi epidemie di colera in Europa e in America che uccisero migliaia di persone. John Snow (mostrato sotto) era un medico a Londra che ha trascorso diversi decenni a studiare il colera in modo sistematico. Gli viene spesso attribuito il merito di aver risolto un'epidemia di colera avvenuta a Londra nel 1854 (l'epidemia è descritta di seguito), ma i suoi studi sul colera erano molto più ampi. La prima epidemia di colera a Londra colpì nel 1831, quando Snow era ancora un apprendista. Un'altra grande epidemia si verificò nel 1848 e durò fino al 1849.


L'opinione prevalente era che il colera fosse diffuso o per miasmi o per contatto da persona a persona, Snow iniziò a esaminare le vittime e scoprì che i loro sintomi iniziali erano sempre legati al tratto gastrointestinale. Snow riteneva che, se il colera fosse stato diffuso dall'aria cattiva, avrebbe dovuto causare sintomi polmonari, ma poiché i sintomi erano gastrointestinali, forse era stato trasmesso dall'acqua o dal consumo di cibo. Infatti il ​​colera è causato dal batterio, Vibrio cholera, che si trasmette per via fecale-orale, cioè per ingestione di acqua o cibo contaminato da liquami. Nell'agosto 1849 Snow pubblicò un articolo intitolato "Sulle modalità di comunicazione del colera" in cui presentava la sua teoria secondo cui la malattia era stata acquisita dall'ingestione di acqua contaminata, ma la sua teoria non ottenne molto favore dall'establishment medico. L'epidemia terminò nel 1849, ma Snow continuò a raccogliere dati sull'andamento della malattia e iniziò a trovare prove che collegassero il colera a specifiche fonti d'acqua. Molti londinesi ricevevano l'acqua dai pozzi delle pompe manuali (sotto) che si trovavano in tutta la città.


Tuttavia, un numero crescente di aziende e case aveva convogliato l'acqua dal fiume Tamigi da società private. Snow ha appreso dai registri municipali che due società private hanno fornito acqua convogliata alle aree principalmente colpite dal colera. Alcuni consumatori sono stati forniti dalla Lambeth Company, mentre altri sono stati forniti da Southwark & ​​Vauxhall. La mappa di Londra qui sotto mostra le aree di Londra fornite da queste due compagnie idriche.


Southwark e Vauxhall pompavano acqua da una posizione più a valle che era chiaramente contaminata e i tassi di colera erano chiaramente più alti nei loro clienti rispetto a quelli forniti dalla Lambeth Company. Tuttavia, molti non erano convinti delle sue scoperte, poiché Snow non aveva effettivamente dimostrato che l'acqua contenesse qualcosa che potesse causare il colera.


Alla fine di agosto del 1853, il colera scoppiò nell'area di Broad Street, i residenti furono presi dal panico e molti iniziarono a fuggire. Una pompa a mano è stata trovata proprio su Broad Street e Snow è stato immediatamente sospettoso. I campioni d'acqua non hanno rivelato una contaminazione grave, ma Snow ha insistito e ha iniziato a raccogliere informazioni dettagliate su dove le vittime avevano preso l'acqua potabile. Ha ottenuto i nomi e gli indirizzi delle prime 83 vittime morte entro la fine della prima settimana. Andò nelle loro case e apprese dai parenti che la stragrande maggioranza di loro aveva ottenuto l'acqua dalla pompa di Broad St..


Il 6 settembre Snow è apparso alla riunione del Board of Guardians locale e ha presentato le sue prove che la pompa fosse la fonte dell'epidemia. Ha sostenuto che la maniglia della pompa dovrebbe essere rimossa per prevenire un'ulteriore contaminazione. Il consiglio non era convinto, ma ha accettato di rimuovere la maniglia della pompa per precauzione. L'epidemia si placò rapidamente.


L'indagine è proseguita. Alla fine, Snow è stato in grado di rintracciare 197 vittime, la stragrande maggioranza delle quali viveva a pochi passi dalla pompa. È stato anche notato che c'era un'incidenza estremamente bassa di colera in una vicina casa di lavoro e anche presso la Lion Brewery, ed entrambe queste attività avevano il proprio approvvigionamento idrico. I lavoratori di un'altra grande azienda utilizzavano l'acqua della pompa di Broad St. e i loro lavoratori avevano una sostanziale incidenza di colera.


Un primo esame del pozzo non ha mostrato alcun problema, mettendo in dubbio le conclusioni di Snow, e la pompa è stata riaperta senza incidenti. Tuttavia, alcuni mesi dopo un socio di Snow si imbatté nei registri di un bambino morto di diarrea proprio all'inizio dell'epidemia. Il momento della sua morte indicava che era stata il primo caso di colera. Dopo essere stata interrogata, la madre ha detto di aver svuotato un secchio di diarrea del bambino in un pozzo nero davanti alla loro casa, immediatamente adiacente alla pompa dell'acqua. Il pozzo nero e il pozzo della pompa sono stati quindi scavati, rivelando che il pozzo nero, che si trovava entro un metro dal pozzo, perdeva e il muro del pozzo era in decomposizione, consentendo alla contaminazione del pozzo nero di penetrare. è apparso che una volta morto il bambino, non ci fosse stata ulteriore contaminazione del pozzo e l'epidemia si è conclusa.



In retrospettiva, Snow ha dato diversi importanti contributi allo sviluppo del pensiero epidemiologico:

• Ha proposto una nuova ipotesi su come si trasmette il colera.

• Ha verificato sistematicamente questa ipotesi effettuando confronti tra gruppi di persone.

• Ha fornito prove di un'associazione tra bere dal pozzo Broad St. e ammalarsi di colera.

• Ha sostenuto un intervento che prevenga ulteriori casi (rimozione della maniglia della pompa).


0 visualizzazioni0 commenti