• Wandeth Gonzo

Educazione Alla Salute Riproduttiva E Accessibilità Alle Cure Per Le Donne Afroamericane E Latine

Aggiornamento: 12 mar

C'è un'abbondanza di risorse mediche disponibili per le donne afroamericane e latine a New York City che altre aree urbane non forniscono, non solo a causa delle strutture politiche, economiche e sociali esistenti, ma principalmente a causa della popolazione diversificata che abita nell'area metropolitana di New York. Cercare di prendere le decisioni migliori entro i limiti del sistema sanitario può essere particolarmente difficile per i pazienti che si trovano nella fascia di basso status socio-economico (SES) e per i pazienti che provengono da una minoranza etnica.

“Un SES inferiore è associato a una minore aspettativa di vita; tassi di mortalità globale più elevati e tassi più elevati di mortalità infantile e perinatale. È associato a ciascuna delle 14 principali categorie di cause di morte nella Classificazione internazionale delle malattie, così come a molti altri risultati sulla salute, inclusi i principali disturbi mentali”. – Bruce G. Link & Jo Phelan (Condizioni sociali come cause fondamentali di malattia)

Guardare la salute riproduttiva attraverso la prospettiva eco-sociale è fondamentale per esaminare l'educazione alla salute riproduttiva e l'accessibilità al trattamento per le minoranze etniche, in particolare le donne afroamericane e latine, a New York City. Molte persone che vivono nell'area metropolitana di New York e provengono da una famiglia socio-economica bassa sono donne di una minoranza etnica (donne afroamericane e ispaniche). Le donne afroamericane ricevono un'educazione alla salute riproduttiva meno qualitativa e hanno un'accessibilità limitata a cure di qualità, motivo per cui gli afroamericani tendono ad avere tassi più elevati di infezioni e/o malattie associate alla loro salute riproduttiva rispetto alle altre donne.

Trovo che l'educazione alla salute riproduttiva e l'accessibilità al trattamento riproduttivo siano interessanti perché, spesso, le decisioni in materia di salute riproduttiva non sono necessariamente basate su malattie come in altri ambiti della medicina. Le decisioni sull'assistenza sanitaria riproduttiva si basano su processi corporei naturali che coinvolgono l'anatomia riproduttiva, come l'assistenza alla maternità, le mestruazioni o la menopausa. Rendere la medicalizzazione (medicare una parte di processi corporei naturali, che non necessita di medicazione) una variabile minacciosa nel raggiungimento del trattamento per la salute riproduttiva.

Un'assistenza riproduttiva affidabile sta diventando meno raggiungibile con l'aumento dei costi derivanti da cure mediche superflue, l'imminente minaccia che i trattamenti ricevuti siano inefficaci e l'incombente paura di esposizione ad altri disturbi che potrebbero alzare la testa in futuro. Sebbene i pazienti abbiano bisogno di trovare e ottenere le risorse per utilizzare al meglio la qualità del trattamento ricevuto, non tutti hanno un accesso fattibile al trattamento. Gli incentivi finanziari sono cablati nel sistema sanitario, che valuta e premia l'utilizzo di determinati macchinari e prescrizioni mediche al di sopra del "tempo di conversazione" insieme alle cure preventive.

La sanità pubblica urbana considera la disuguaglianza sociale come “una causa fondamentale di malattia”. La disuguaglianza sociale dell'assistenza sanitaria si ripercuote dai determinanti della salute a livello comunale, come le condizioni di vita urbana, agli interventi individuali di salute pubblica. La raccolta di ricerche partecipative basate sulla comunità su questo argomento comporta la raccolta di dati trasversali sull'educazione alla salute riproduttiva ricevuta dalle donne afroamericane e latine che vivono nell'area metropolitana di New York, nonché la raccolta di dati longitudinali sul trattamento della salute riproduttiva ricevuto dalle donne afroamericane e latine. Educare le donne afroamericane e latine sui servizi di salute riproduttiva disponibili può rafforzare le relazioni medico-paziente, consentendo una consultazione più informativa e un trattamento di qualità.


Risorse:

  1. Norsigian J. Our bodies, Ourselves The Boston Women's Health Book Collective. New York, NY: Touchstone; 2011.

  2. Freudenberg N, Galea S, Vlahov D. Cities and the health of the public. Nashville, TN: Vanderbilt University Press; 2006.

  3. Geronimus, A. To Mitigate, Resist, or Undo: Addressing Structural Influences on the Health of Urban Populations. American Journal of Public Health. 2000;90(6):867-872. doi:10.2105/ajph.90.6.867.

  4. Link, Bruce G., and Jo Phelan. Social Conditions As Fundamental Causes of Disease. Journal of Health and Social Behavior, 1995, pp. 80–94. www.jstor.org/stable/2626958.

  5. Krieger N. Theories for social epidemiology in the 21st century: an ecosocial perspective. International Journal of Epidemiology. 2001;30(4):668-677. doi:10.1093/ije/30.4.668.

#Blackwomen #AfricanAmericanWomen #LatinaWomen #Women #NYC #Reproductivehealth

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Naloxone