• Wandeth Gonzo

Comunicazione E Supporto Sociale Tramite Comunità Virtuali

Aggiornamento: 12 mar

Il modo in cui comunichiamo, come comunità geografiche che di solito condividono informazioni tramite sistemi di bacheche elettroniche e reti private che consentono comunità peer to peer, viene ridefinito come social media e sta rimodellando il modo in cui le persone si identificano, comunicano e si associano all'interno e tra comunità (1).

Il modo in cui la società definisce la "comunità" è in continua evoluzione e sottogruppi di comunità geografiche stanno trovando modi diversi per comunicare tra loro. Con più metodi di comunicazione, arrivano più opportunità per dare, condividere e ricevere informazioni (se le informazioni sono vere o false).


Le comunità sono essenzialmente un'unificazione di sottogruppi che condividono pensieri, esperienze, idee, valori e determinati interessi. I sottogruppi possono essere suddivisi in compartimenti in base alle variabili demografiche, alle risorse utilizzate e persino ai diversi modi in cui i suoi componenti comunicano tra loro. Le esperienze condivise, come menzionato sopra, possono aiutare a rafforzare e mantenere la relazione costruita all'interno delle comunità e dei suoi sottogruppi, dimostrando che la costruzione della comunità (sia online che grografica) porta a interventi efficaci a livello di comunità. Le comunità forniscono un supporto aggiuntivo e/o sufficientemente adeguato ai suoi componenti e sottogruppi, lasciando un'impressione più duratura di un intervento su quelli sia geografici che virtuali. Ciò richiederebbe che la comunità venga identificata in modo accurato, che vengano presentate informazioni corrette e che l'intervento abbia un risultato/effetto benevolo, valido e affidabile per tutta la comunità. La disinformazione è dannosa ed è già penetrata nella comunità online e nei suoi vari sottogruppi di comunità online.

Poiché il mezzo principale per le comunità virtuali è Internet (tramite mailing list, newsgroup o forum di discussione in rete, forum di discussione basati sul web e chat dal vivo), il supporto sociale formato o facilitato nelle comunità geografiche non è più limitato da confini politici o distanza geografica (1, 3). Le comunità online hanno un effetto sulla fidelizzazione dei partecipanti e sull'efficacia degli interventi automatizzati sullo stile di vita proprio come le comunità geografiche (2). Una comunità online attiva potrebbe contenere storie pubblicate dagli utenti sul superamento delle barriere, messaggi empatici di sostegno per coloro che stanno lottando e celebrazioni del successo (2). Se riusciamo a capire come l'efficace supporto sociale può essere massimizzato dai gruppi di supporto elettronico, potrebbe sfruttare il supporto sociale, la modellazione sociale positiva e il contenuto dinamico per mantenere gli utenti coinvolti nel programma e supportare il cambiamento di comportamento (2).

Non credo che le comunità virtuali possano mai sostituire o integrare completamente i gruppi di supporto faccia a faccia (1). Uno studio ha confrontato un gruppo di supporto mediato dal computer (messaggio vocale) con un gruppo faccia a faccia, notando che i tassi di partecipazione erano significativamente più alti nel gruppo virtuale, ma un altro studio ha mostrato che i gruppi virtuali possono essere meno efficaci dei gruppi faccia a faccia per sostenere la perdita di peso (1). Tuttavia, attualmente non è chiaro se la partecipazione a un gruppo peer to peer riduca o aumenti l'uso dell'assistenza sanitaria (1).


I partecipanti ai gruppi di auto-aiuto possono essere un sottogruppo auto-selezionato in cui i processi di auto-aiuto sono efficaci, ma ciò non significa che non ci sia coinvolgimento di altri professionisti della salute in quel processo (1). In alcuni casi, i partecipanti possono avere il desiderio intrinseco di comunicare con altre persone, il che può dimostrare che le comunità virtuali al 100% non sono altrettanto utili (1). Ci sono molti casi in cui gli interventi peer to peer "stand alone" hanno avuto il coinvolgimento di professionisti della salute, con individui formati che guidano i gruppi come moderatori o facilitatori stimolando discussioni, formulando domande o pubblicando argomenti di interesse o materiale educativo nelle bacheche ( 1).

Risorse:

  1. Eysenbach, G., Powell, J., Englesakis, M., Rizo, C., & Stern, A. (2004). Health related virtual communities and electronic support groups: systematic review of the effects of online peer to peer interactions. Bmj, 328(7449), 1166. doi: 10.1136/bmj.328.7449.1166

  2. Richardson, C. R., Buis, L. R., Janney, A. W., Goodrich, D. E., Sen, A., Hess, M. L., … Piette, J. D. (2010, December 17). An online community improves adherence in an internet-mediated walking program. Part 1: results of a randomized controlled trial. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3056526/.

  3. Cooper, S., & Palmedo, C. (n.d.). Social Media as a Transformative Force in Intercultural Health Communications: A Case Study of The Badass Army. Social Media as a Transformative Force in Intercultural Health Communications: A Case Study of The BADASS Army. Retrieved from https://bbhosted.cuny.edu/webapps/blackboard/execute/content/file?cmd=view&content_id=_43186947_1&course_id=_1762708_1&launch_in_new=true

#SocialSupport #onlinecommunity #onlinecommunities #Community #Communication #virtual #virtualcommunities

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Naloxone