• Wandeth Gonzo

Tavola Ouija

Aggiornamento: 12 set



La tavola Ouija, nota anche come tavola degli spiriti o tavola parlante, è una tavola piatta contrassegnata con le lettere dell'alfabeto, i numeri 0–9, le parole "sì", "no", occasionalmente "ciao" e "arrivederci" , insieme a vari simboli e grafici. Utilizza una planchette (piccolo pezzo di legno o plastica a forma di cuore) come indicatore mobile per scandire i messaggi durante una seduta spiritica. I partecipanti mettono le dita sulla planchette e questa viene spostata sulla lavagna per sillabare le parole. "Ouija" è un marchio di Hasbro, ma è spesso usato genericamente per riferirsi a qualsiasi scheda parlante.


Gli spiritualisti credevano che i morti fossero in grado di contattare i vivi e, secondo quanto riferito, usarono una tavola parlante molto simile a una moderna tavola Ouija nei loro campi in Ohio nel 1886 per consentire apparentemente una comunicazione più rapida con gli spiriti. Dopo la sua introduzione commerciale da parte dell'uomo d'affari Elijah Bond il 1 luglio 1890, la tavola Ouija era considerata un innocente gioco di società estraneo all'occulto fino a quando la spiritualista americana Pearl Curran non ne rese popolare l'uso come strumento di rabdomante durante la prima guerra mondiale.


Le credenze paranormali e soprannaturali associate a Ouija sono state criticate dalla comunità scientifica e sono caratterizzate come pseudoscienza. L'azione della tavola può essere spiegata con parsimonia dai movimenti inconsci di coloro che controllano il puntatore, un fenomeno psicofisiologico noto come effetto ideomotorio.


Alcune denominazioni cristiane hanno "messo in guardia contro l'uso di tavole Ouija", ritenendo che possano portare alla possessione demoniaca. Gli occultisti, d'altra parte, sono divisi sulla questione, con alcuni che affermano che può essere uno strumento di trasformazione positiva; altri ribadiscono gli avvertimenti di molti cristiani e ne mettono in guardia gli "utenti inesperti".


Una delle prime citazioni del metodo di scrittura automatico utilizzato nella tavola Ouija si trova in Cina intorno al 1100 d.C., in documenti storici della dinastia Song. Il metodo era noto come Fuji "scrittura planchette". L'uso della scrittura in planchette come mezzo apparente di negromanzia e comunione con il mondo degli spiriti continuò e, sebbene sotto speciali rituali e supervisioni, era una pratica centrale della Scuola Quanzhen, fino a quando non fu proibita dalla dinastia Qing. Parecchie intere scritture del Daozang sono presumibilmente opere di scrittura automatica della planchette. Secondo un autore, metodi simili di scrittura dello spirito medianico sono stati praticati nell'antica India, in Grecia, a Roma e nell'Europa medievale.


Tavole parlanti:

Come parte del movimento spiritualista, i medium iniziarono a utilizzare vari mezzi per comunicare con i morti. Dopo la guerra civile americana negli Stati Uniti, i medium fecero affari significativi nel consentire presumibilmente ai sopravvissuti di contattare i parenti perduti. L'ouija stesso fu creato e chiamato a Baltimora, nel Maryland, nel 1890, ma l'uso delle tavole parlanti era così comune nel 1886 che le notizie riportarono che il fenomeno aveva preso il controllo dei campi degli spiritualisti in Ohio.


Gioco di società commerciale:


L'uomo d'affari Elijah Bond ebbe l'idea di brevettare una planchette venduta con una tavola su cui era stampato l'alfabeto, proprio come le tavole parlanti esistenti in precedenza. Bond ha depositato il 28 maggio 1890 per la protezione del brevetto e quindi è accreditato dell'invenzione della tavola Ouija. La data di emissione del brevetto era il 10 febbraio 1891. Ha ricevuto il brevetto statunitense 446.054. Bond era un avvocato ed è stato un inventore di altri oggetti oltre a questo dispositivo.


Un dipendente di Elijah Bond, William Fuld, ha assunto la produzione del tabellone parlante. Nel 1901 Fuld iniziò la produzione delle proprie tavole con il nome "Ouija". Charles Kennard (fondatore della Kennard Novelty Company che produceva le tavole parlanti di Fuld e dove Fuld aveva lavorato come verniciatore) affermò di aver imparato il nome "Ouija" dall'uso della tavola e che era un'antica parola egizia che significava "buona fortuna". Quando Fuld rilevò la produzione delle tavole, rese popolare l'etimologia più ampiamente accettata: che il nome derivasse da una combinazione delle parole francesi e tedesche per "sì".

Il nome Fuld divenne sinonimo di tavola Ouija, poiché Fuld ne reinventò la storia, affermando di averla inventata lui stesso. Gli strani discorsi sulle tavole dei concorrenti di Fuld hanno invaso il mercato e tutte queste tavole hanno goduto di un periodo di massimo splendore dagli anni '20.


Il fenomeno Ouija è considerato dalla comunità scientifica il risultato della risposta ideomotoria. Michael Faraday descrisse per la prima volta questo effetto nel 1853, mentre studiava il cambio di tavola.


Sono stati prodotti vari studi, ricreando gli effetti della tavola Ouija in laboratorio e dimostrando che, in condizioni di laboratorio, i soggetti spostavano la planchette involontariamente. Uno studio del 2012 ha rilevato che quando si rispondeva a domande sì o no, l'uso di Ouija era significativamente più accurato delle congetture, suggerendo che potrebbe attingere alla mente inconscia. Gli scettici hanno descritto gli utenti della tavola Ouija come "operatori". Alcuni critici hanno notato che i messaggi apparentemente enunciati dagli spiriti erano simili a qualunque cosa passasse per la mente dei soggetti.


Secondo il professore di neurologia Terence Hines nel suo libro Pseudoscience and the Paranormal (2003):


La planchette è guidata da sforzi muscolari inconsci come quelli responsabili del movimento del tavolo. Tuttavia, in entrambi i casi, l'illusione che l'oggetto (tavolo o planchette) si muova sotto il proprio controllo è spesso estremamente potente e sufficiente a convincere molte persone che gli spiriti sono veramente all'opera... I movimenti muscolari inconsci responsabili del movimento dei tavoli e i fenomeni della tavola Ouija visti nelle sedute spiritiche sono esempi di una classe di fenomeni dovuti a quello che gli psicologi chiamano uno stato dissociativo. Uno stato dissociativo è quello in cui la coscienza è in qualche modo divisa o tagliata fuori da alcuni aspetti delle normali funzioni cognitive, motorie o sensoriali dell'individuo. Le tavole Ouija furono già criticate dagli studiosi all'inizio, essendo descritte in un diario del 1927 come "'resti vestigiali' di sistemi di credenze primitivi" e una truffa per separare gli sciocchi dai loro soldi. Un altro giornale del 1921 descrisse i rapporti sui risultati della tavola Ouija come "mezze verità" e suggerì che la loro inclusione nei giornali nazionali all'epoca abbassava il discorso nazionale in generale. Negli anni '70 gli utenti della tavola Ouija erano anche descritti come "membri di una setta" dai sociologi, sebbene questo fosse severamente esaminato sul campo.



Risposte religiose:


Sin dall'inizio della storia della tavola Ouija, è stata criticata da diverse denominazioni cristiane. Ad esempio, Catholic Answers, un'organizzazione di apologetica cristiana cattolica romana, afferma che "La tavola Ouija è tutt'altro che innocua, poiché è una forma di divinazione (ricerca di informazioni da fonti soprannaturali)". Inoltre, i vescovi cattolici della Micronesia hanno chiesto le tavole di essere bandito e ha avvertito le congregazioni che stavano parlando con i demoni quando usavano le tavole Ouija. In una lettera pastorale, le Chiese riformate olandesi hanno incoraggiato i suoi comunicanti a evitare le tavole Ouija, poiché è una pratica "legata all'occulto". The Wisconsin Evangelical Lutheran Il Sinodo proibisce anche ai suoi fedeli di usare tavole Ouija poiché insegna che tale sarebbe una violazione dei Dieci Comandamenti.


Nel 2001, le tavole Ouija sono state bruciate ad Alamogordo, nel New Mexico, da gruppi fondamentalisti insieme ai libri di Harry Potter come "simboli di stregoneria". La critica religiosa ha anche espresso la convinzione che la tavola Ouija riveli informazioni che dovrebbero essere solo nelle mani di Dio, e quindi è uno strumento di Satana. Un portavoce di Human Life International ha descritto le tavole come un portale per parlare con gli spiriti e ha invitato Hasbro a vietarne la commercializzazione.


Queste obiezioni religiose all'uso della tavola Ouija hanno a loro volta dato origine a folklore di tipo ostensione nelle comunità in cui circolano. Racconti cautelativi secondo cui il tabellone apre una porta agli spiriti maligni trasformano il gioco nel soggetto di una sfida soprannaturale, specialmente per i giovani.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Orishas