• Wandeth Gonzo

Orishas


Un orisha è un dio che riflette una delle manifestazioni del Dio supremo/Tutto il Padre (Eledumare, Olorun, Olofi) nella religione Yoruba. Governano sulle forze della natura e sugli sforzi dell'umanità. Si riconoscono e sono riconosciuti attraverso i loro diversi numeri e colori che sono i loro segni. Gli orisha sono spesso meglio compresi osservando la forza della natura su cui dominano. Molti orisha hanno trovato la loro strada nella maggior parte del Nuovo Mondo a seguito della tratta degli schiavi dell'Atlantico e ora sono espressi in pratiche varie come Santeria, Candomble, Trinidad Orisha, Umbanda e Oyotunji.

La vita quotidiana dipende dal corretto allineamento e dalla conoscenza dei propri ori.

Ori significa letteralmente la testa, ma in materia spirituale si intende una porzione dell'anima che determina il destino e il successo personali.

Ashe è la forza vitale che scorre attraverso tutte le cose, viventi e inanimate. Ashe è il potere di far accadere le cose. Ashe rappresenta un collegamento con la presenza eterna del Dio Supremo, degli Orishas e degli antenati.

Le persone che credono negli orisha si sforzano di ottenere cenere attraverso iwa-pele e, a loro volta, sperimentano l'allineamento con l'ori, che è pace interiore e soddisfazione per la vita.

Iwa-pele significa carattere gentile e/o buono.

Ashe è l'energia divina che proviene da Olodumare, il Creatore, e si manifesta attraverso Olorun, che governa i cieli ed è associato al sole. Ashe è talvolta associata a Eshu, il messaggero Orisha.

Eleggua è la proprietaria delle strade e delle porte di questo mondo. Si trova all'incrocio tra l'umano e il divino, poiché è il bambino - come un messaggero tra i due mondi. Eleggua è il primo e più importante Orisha della Santeria. È il proprietario del crocevia, il testimone del destino e funge da agente di collegamento in questo lavorod. Eleggua è spesso percepita come un imbroglione o un bambino malizioso che mette alla prova la nostra integrità. Ha un rapporto molto stretto con l'orisha della divinazione, Orunmila. Niente può essere fatto in nessuno dei due mondi senza il suo permesso. Eleggua viene chiamato prima di ogni altro orisha poiché apre le porte tra i mondi e apre le nostre strade nella vita.


Nomi: Eleggua, Elewa, Elegba

AKA: Sant'Antonio

Colori: rosso e nero

Numeri: 3 e 21

Preghiera: Echu oba lona tosi gbogbo ona ire o ache

Ogun è il dio del ferro, della guerra e del lavoro. È il proprietario di tutta la tecnologia e poiché questa tecnologia condivide la sua natura, viene quasi sempre utilizzata prima per la guerra. Mentre Eleggua apre le strade, è Ogun che sgombra le strade con il suo machete. Ogun è un potente guerriero, il divino fabbro che fabbrica strumenti e armi e l'Orisha più laborioso di tutti. Ogun è il padre della tecnologia, l'avanguardia del coltello e il potere del metallo. Ogun è spesso percepito come un uomo potente e muscoloso che indossa una gonna in fibra di palma e porta un machete.

Nomi: Ogun, Oggun

A.K.A: Saint Peter

Colori: Green and Black

Numeri: 7 and 3

Preghiera: Ogun oko dara obaniche aguanile ichegun ire

Oshosi è il terzo membro del gruppo noto come Guerreros o Warriors, e viene ricevuto insieme a Eleggua, Ogun e Osun per proteggere gli iniziati Guerreros e per aprire e liberare le loro strade. Oshosi è il cacciatore e l'esploratore degli Orishas e ha assunto il ruolo di tutore della giustizia per Obatala con il quale ha un rapporto molto stretto. Oshosi è il cacciatore divino la cui freccia non manca mai il bersaglio. Cammina silenziosamente attraverso la foresta a caccia della sua preghiera. Egli è la forza della cieca giustizia che si applica equamente a tutti. È il migliore amico di Eleggua e Ogun e viene spesso trovato a cacciare con loro.

Nomi: Ochosi, Ochossi, Oshosi

A.K.A: Saint Norbert

Colori: Blue and Amber/ Blue and yellow

Numeri: 3 and 7

Preghiera: Ochosi ode mata oba akofa aye o unso ire o wa mi Ochosi omode ache

Obatala è il padre gentile di tutti gli orisha e di tutta l'umanità. È anche il proprietario di tutte le teste e della mente. Sebbene sia stato Olorun a creare l'universo, è Obatala il creatore del mondo e dell'umanità. Obatala è la fonte di tutto ciò che è puro, saggio, pacifico e compassionevole. Tuttavia, ha un lato guerriero attraverso il quale impone la giustizia nel mondo. Obatala è il maggiore degli Orishas, ​​il proprietario della stoffa bianca, il re della pace e della logica. Ci incoraggia a usare la diplomazia e la ragione quando si agisce ed è spesso l'Orisha che media le controversie tra gli altri orisha. Obatala è in realtà un Orisha androgino in cui metà dei suoi avatar sono maschi e l'altra metà sono femmine. È quindi possibile avere un Obatala femminile come la strada Obanla oltre a strade maschili come l'Ayaguana. Il santuario di Obatala è posto più in alto rispetto agli altri santuari degli Orishas per rispetto del suo status di anziano. È spesso raffigurato come un anziano uomo di colore con i capelli bianchi come il gesso vestito con abiti bianchi. Il suo colore è il bianco che è spesso accentato con rosso, viola e altri colori per rappresentare i suoi diversi percorsi. Il bianco è più appropriato per Obatala in quanto contiene tutti i colori dell'arcobaleno ma è al di sopra di essi. Obatala è anche l'unico orisha che ha parti maschili e femminili.

Nomi: Obatala

A.K.A: Our Lady of Mercy

Colori: White

Numeri: 8

Preghiera: Obatala oba laye ela iwo alara ache

*Obatala Santuario di Obamoro drappeggiato in panno color lavanda chiaro con oke a destra e Agidai a sinistra.

Oya è il sovrano dei venti, del turbine e delle porte del cimitero. Il suo numero è 9 che ricorda il suo titolo di Yansa o "Madre dei Nove" in cui regna sull'egun o sui morti. È anche nota per i colori del marrone, i motivi floreali e nove colori diversi. È una feroce guerriera che va in guerra con Shango (condividendo fulmini e fuoco con lui) e una volta era la moglie di Ogun. Oya è una feroce guerriera e l'Orisha del cambiamento. Ha preso il segreto per lanciare fulmini da Chango. Combatte con i machete e spaventa Iku (la morte) con la sua frusta a coda di cavallo. È la proprietaria dei cancelli del cimitero, ma non vive nel cimitero contrariamente alla credenza comune. Lei risiede nella piazza del mercato. È raffigurata come una donna guerriera agile e potente che indossa una gonna di 9 colori diversi.


Nomi: Oya, Yansa, Yansan

A.K.A: Our Lady of Candelmas or Saint Theresa

Colori: Brown, dark red or multi-colors

Numeri: 9

* Oya and Ogun fight side by side with the powers of lightning and iron.

Oshun governa le dolci acque del mondo, i ruscelli, i ruscelli e i fiumi, incarnando amore e fertilità. È anche quella a cui ci avviciniamo più spesso per aiutarci in questioni di denaro. È la più giovane delle femmine di orisha, ma conserva il titolo di lyalode o grande regina. Guarisce con le sue dolci acque e con il miele che possiede anche lei. È la femme fatale degli orisha e una volta ha salvato il mondo attirando Ogun fuori dalle foreste usando le sue astuzie femminili. E nel suo percorso o manifestazione di Ibu Ikole ha salvato il mondo dalla corrente volando in cielo (trasformandosi in un avvoltoio nel processo). Ikole significa Messaggero della Casa (di Olodumare). Per questo motivo, tutti coloro che devono essere iniziati come sacerdoti, non importa quale orisha governa il loro capo, devono andare al fiume e rendere conto di ciò che stanno per fare. Si riconosce nei colori giallo e oro e il suo numero è cinque. I pavoni e gli avvoltoi sono suoi e li usiamo spesso per rappresentarla. Quando Oshun diede alla luce gli Ibeji, furono i primi gemelli nati e lei rimase sbalordita come una strega. Ha preso a calci l'Ibeji ma per rivendicare la sua posizione nella società. Oya accolse gli Ibjeji e li allevò come madre adottiva. Gli Ibeji sono raffigurati come due bambini piccoli o neonati: un ragazzo di nome Taiwo vestito di rosso e una ragazza di nome Kehinde vestita di blu. Sebbene Kehinde sia nata seconda, è considerata la maggiore delle due. Oshun è l'Orisha della dolcezza, dell'amore e della bellezza. È l'incarnazione della grazia femminile ed è civettuola civettuola. È una madre generosa e amorevole, ma può anche diventare rapidamente amareggiata se subisce un torto. Una volta che è inacidita, è spietata e inflessibile. Oshun può compiere miracoli indicibili. È la più giovane delle orishas ed è raffigurata come una donna civettuola di razza mista vestita di giallo, che si guarda allo specchio.

Nomi: Ochun, Oshun

A.K.A: Our Lady of Charity of Cobre

Colori: Yellow and Gold

Numeri: 5

Obba è l'orisha del matrimonio e della trasformazione personale. Era la moglie legittima di Chango che è stata evitata dopo aver tentato di irretire Chango con la stregoneria. Fuggì al cimitero e subì un potente viaggio di trasformazione che l'ha fatta entrare nel suo vero potere. È raffigurata come una donna semplice, senza l'orecchio sinistro, che indossa un copricapo per coprire la ferita.

Nomi: Obba

A.K.A: Saint Catherine of Siena

Colori; Brown, Opal and Coral

Numeri: 8

Orisha Oko è l'Orisha dell'agricoltura e della terra fertile. Egli governa il mistero della terra nera che dà vita ai raccolti e alla vita, alla fertilità e alla procreazione. È spesso raffigurato come un contadino che lavora sodo che indossa un cappello di paglia e ara la terra con una squadra di due buoi.

Nomi: Orisha Oko, Orichaoco

A.K.A: Saint Isidore

Colori: Light blue and pink

Numeri:7

Olokun è l'Orisha che governa le profondità del mare dove la luce non tocca. È un misterioso Orisha e si discute se Olokun sia maschio o femmina. È un orisha primordiale che nasce dalla sua stessa cenere quando i primi oceani si sono formati sulla superficie della terra. Raccoglie i tesori sommersi e le anime degli annegati e governa dalle profondità. Di solito non è raffigurato in forma umana.

Nomi: Olokun

A.K.A: None

Colori: Dark blue with green

Numeri: 9

Orunmila è l'Orisha della divinazione e il patrono della setta Ifa. Insieme a Eleggua ha assistito allo svolgersi di tutto il destino e quindi può essere consultato per sapere dove è diretto il destino di una persona. Sviluppò gli oracoli di Ifa: l'Ikines (palma) e l'okuele (catena dell'indovino). I suoi sacerdoti sono conosciuti come Babalawos e funzionano esclusivamente come indovini. Non ordinano persone ai misteri degli orishas diverse da Orunmila. È raffigurato come un uomo di colore avvizzito con i capelli in crescita, vestito con abiti tradizionali africani che trasporta il suo vassoio di legno da rabdomante. Orunmila è l'orisha della saggezza, della conoscenza e della divinazione. Era l'unico orisha autorizzato a testimoniare la creazione dell'universo da parte di Olorun e testimonia anche i nostri destini in divenire. Questa è la fonte del suo titolo di Eleri Ipin o "Testimone del destino nella sua creazione". I suoi sacerdoti, i babalawos o "Padri dei Segreti" devono dedicarsi interamente alla pratica della divinazione e alle arti di accompagnamento. Attraverso la Tavola di Ifa i suoi sacerdoti svelano i segreti dell'universo ei segreti dello svolgersi della nostra vita. I suoi colori sono il verde e il giallo che riflettono il rapporto di Orunmila con Osayin (i segreti del mondo vegetale) e con Oshun, che è il suo apetebi con il quale ha un rapporto strettissimo.


Nomi: Orunmila, Orunla, Orula

A.K.A: Saint Francis of Assisi

Colori: Yellow and green (or brown and green)

Numeri: 16

Preghiera: Orunmila Ibikeyi Oludumare ela isode ache

Shango è il re della religione di Santería e un tempo era il quarto re (Alafin) della città di Oyó nella terra degli Yoruba prima di essere sfidato e diventare un Orisha. È l'Orisha dei fulmini, dei tuoni e del fuoco, il proprietario dei sacri tamburi batá, il potere della passione e della virilità. Il cambiamento è un donnaiolo e un incantatore. Changó è il maestro della danza, un feroce guerriero e un potente stregone che sputa fuoco. È raffigurato come un bel giovane che indossa una corona e porta un'ascia a due punte. Forse il più "popolare" degli Orishas, ​​Shangó governa i fulmini, i tuoni, il fuoco, i tamburi e le danze. È un guerriero Orisha con arguzia, temperamento rapido e giuramenti, sinonimo di virilità. Shangó assunse la forma del quarto Alafin (re supremo) di Oyó sulla terra per un certo periodo. È sposato con Obba ma ha relazioni con Oyá e Òshun. È un Orisha estremamente caldo e volitivo che ama tutti i piaceri del mondo: danza, tamburi, donne, canti e mangiare. È ocanami con Elegguá, nel senso che sono di un solo cuore. Quando lo si vede con la rapidità con cui il fulmine fa poco lavoro a un albero oa un fuoco. I suoi figli hanno una capacità innata per la divinazione. Per riconoscere la grandezza di questo Re, tutti nella religione si alzano in punta di piedi (o si alzano dalle sedie se siamo seduti) alla menzione del suo nome. I suoi colori sono bianco e rosso e si riconosce nei numeri quattro e sei. Il più delle volte è rappresentato da un'ascia a doppia testa.

Nomi: Shangó, Changó, Sango A.K.A: Saint Barbara Colori: Red and White Numeri: 6 Preghiera: Shangó obá adé ok I, obá ina, Alafin Oyó aché o. Aggayu è il padre di Shangó a Santería. Alcune famiglie di divinità dicono che è il fratello minore di Shangó, ma sono imparentate tra loro in ogni caso. Aggayú è l'Orisha del vulcano e il traghettatore che porta le persone avanti e indietro attraverso il fiume. Alcuni lignaggi si riferiscono a lui come l'Orisha del deserto. Il suo culto è strettamente allineato con quello di Shangó. È raffigurato come un uomo tozzo che cammina a grandi passi e porta un'ascia a doppia testa con un doppio manico ricurvo.

Nomi: Aggayú, Agajú, Aganyu, Aggayu Sola A.K.A: Saint Christopher Colori: Brown and Opal Numeri: 9 Yeguá è la figlia speciale di Oduduwa che teneva come simbolo di purezza e castità. Sfortunatamente la sua purezza è stata contaminata quando è stata violata da Changó. È l'Orisha associata alla morte poiché governa la decomposizione del corpo nella tomba e i misteri associati al processo di morte. È raffigurata come una donna misteriosa, ritirata dalla società che risiede in fondo a una tomba. Nomi: Yeguá, Yewá A.K.A: Our Lady of Montserrat Colori: Pink and Burgundy Numeri: 7 or 9 Yemayá è la madre di tutti gli esseri viventi, la Regina del cielo, della terra e di tutte le acque. Risiede nell'oceano e i suoi figli sono innumerevoli come i pesci nel mare. Yemayá è anche la madre di molti altri Orishas. Oltre ad essere una madre amorevole, è una feroce protettrice. Può combattere con un machete o una scimitarra e fare il bagno nel sangue dei suoi nemici. Yemayá è spesso raffigurata come una voluttuosa donna nera con il seno pieno vestita di blu. Yemaya vive e governa i mari e i laghi. Regola anche sulla maternità nelle nostre vite poiché è la Madre di tutti. Il suo nome, una versione abbreviata di Yeyé Omo Eja, significa "Madre i cui figli sono i pesci" per rifiutare il fatto che i suoi figli non siano numerabili. Tutta la vita è iniziata nel mare, il liquido amniotico all'interno del grembo materno è una forma di mare in cui l'embrione deve trasformarsi ed evolversi attraverso la forma di un pesce prima di diventare un bambino umano. In questo modo Yemayá si mostra veramente madre di tutti. Partecipa all'abbondanza di Olokin come fonte di tutte le ricchezze che dona gratuitamente alla sua sorellina Osún. Veste se stessa e sette gonne di blu e bianco e come i mari e i laghi profondi è profonda e inconoscibile. Nel suo percorso verso Okutti è la Regina delle streghe che porta dentro i suoi profondi e oscuri segreti. È rappresentata più spesso dai pesci che sono i suoi figli. Nomi: Yemayá, Yemoja A.K.A: Our Lady of Regla Colori: Blue and Clear ( and white) Numeri: 7 (seven for the seven seas) Preghiera: Iyá eyá ayaba Olin omá iré gbogbo swank Iyá

Babalu Aye è uno degli Orishas più amati, adorati e richiesti nella nostra religione. È l'Orisha del vaiolo, delle malattie contagiose e della guarigione. In molti modi è diventato il moderno patrono dell'HIV/AIDS e di altre epidemie. Il suo culto è condiviso con il popolo Arara dell'Africa. Il nome di Babalu Aye era famoso con la canzone Babalu e cantata da Desi Arnaz nel 1946. Babalu Aye è raffigurato come un vecchio coperto di vaiolo, che cammina con le stampelle e accompagnato da due cani.

Nomi: Babalu Aye, Babaluaye, Asojano A.K.A: Saint Lazarus Colori: White, blue, brown, and black Numeri: 17

2 visualizzazioni0 commenti